Venerd́ 03 Dicembre18:28:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Baseball: a Rimini arriva Lorenzo Avagnina

Sport Rimini | 08:51 - 04 Febbraio 2009 Baseball: a Rimini arriva Lorenzo Avagnina

Dopo aver puntellato monte di lancio e diamante, la Telemarket rinforza anche il reparto degli esterni con l’ingaggio di Lorenzo Avagnina, che giunge alla corte dei Pirati a titolo definivo dopo l’esperienza grossetana dello scorso anno.
Nato a Fossano (Cuneo) il 14 novembre del 1980, il neo riminese, che batte e lancia mancino, inizia la propria carriera vestendo i colori della formazione piemontese: nel 1999, per esempio, nel campionato di serie B, batte .470 (con 10 doppi, 3 tripli, 6 homer e 46 rbi) e ottiene sul monte un bilancio di 7 vittorie e 0 sconfitte, con 1,89 di pgl. L’anno successivo, sempre a Fossano, fa ancora meglio, tanto da concludere la stagione a quota .495 nel box, con 8 doppi, la bellezza di 13 fuoricampo e 56 rbi. In pedana, invece, va un po’ peggio: 6-2 il record con una media di 4,32 punti concessi.
Nel 2001 passa quindi ai Grizzlies, sempre in serie B: con la squadra torinese, batte addirittura .567 (con 13 doppi, altrettanti homer e ben 67 rbi), mentre sul monte chiude con 11 vittorie, 3 sconfitte e 3,86 di pgl. Prestazioni che aiutano i piemontesi a guadagnarsi la promozione in A2. Un anno più tardi, all’esordio nella serie cadetta, Avagnina chiude con .331 in attacco, condito da 11 doppi, 8 tripli, 4 fuoricampo e 32 rbi. Sul mound, invece, viene utilizzato in 91.2 inning, buoni per conquistare 6 vittorie (a fronte di 5 sconfitte) con 3,24 di pgl, 62 basi ball concesse e 83 strike out. Nel 2003, sempre con Torino, nel box si esprime con un ottimo .395 (60/152) e mette a segno qualcosa come 24 doppi, senza dimenticare nemmeno 3 tripli, 1 homer e 30 rbi. Meno fortunato, invece, sul monte: 1-6 il bilancio (con una salvezza) e 3,26 punti concessi.
Nel campionato successivo, ancora con i Grizzlies, abbassa la propria media in attacco (.342, con 4 doppi, 3 tripli, 2 fuoricampo e 18 rbi) mentre sul monte ottiene 7 vittorie, con 2 sconfitte e 1 salvezza (4,63 il pgl). Nel 2005, alla quinta e ultima stagione con i torinesi, chiude con .371 (59/159), con 12 doppi, 5 tripli, 1 homer e 38 rbi. In pedana, è il pitcher più utilizzato (157.2 inning) e raccoglie un bilancio di 7-8, con 1 salvezza e 3,48 di pgl.
Un anno più tardi, ecco il passaggio all’Avigliana: con la squadra piemontese è subito autore della splendida cavalcata che porta le “Api” alla storica promozione nella massima serie. Avagnina si dimostra un vero trascinatore, tanto da battere con una media pari a .391 (59/151), con 13 doppi, 2 tripli, 3 homer e 38 rbi. Sul monte, ottiene ben 11 vittorie (con 3 sconfitte e 1 salvezza), concedendo mediamente 3,34 punti. Nel 2007 arriva così l’esordio nella IBL e il neo Pirata se la cava più che discretamente: .268 nel box (42/157), con 5 doppi, 3 fuoricampo e 18 rbi (.357 la media bombardieri). Numeri ai quali vanno aggiunti anche i 31 strike out subiti, le 14 basi ball guadagnate e le 4 basi rubate (su 6 tentativi). Contrariamente ai campionati precedenti, però, non viene mai utilizzato sul monte, mentre in difesa commette 7 errori.
Dopo la retrocessione dell’Avigliana, Avagnina passa così ai campioni d’Italia del Grosseto, coi quali, nella passata stagione, ottiene cifre molto simili al 2007: stessa media battuta (.268, frutto di 38/142), 4 doppi, 2 fuoricampo (.338 tra i bombardieri), 15 rbi e 4 basi rubate. Rispetto al campionato precedente, però, diminuisce gli strike out incassati (21) e aumenta le basi ottenute (24). Con il Montepaschi torna anche a lanciare, raccogliendo 2 vittorie (senza sconfitte) in 4.0 riprese lanciate. In difesa, viene schierato principalmente all’esterno centro (ma vanta anche una manciata di presenze a sinistra e una a destra) e commette un solo errore in tutta la stagione. Nel girone di semifinale play off, poi, batte .294 (5/17), con 1 doppio e 2 rbi. In campo internazionale, invece, disputa sia una buona Coppa Campioni, dimostrandosi il migliore dei suoi per media battuta (.375), media bombardieri (.563) e media di arrivi in base (.500), che un’ottima final four di European Cup a Barcellona (6/8 con 2 doppi e altrettanti rbi).
Con la casacca della Nazionale, infine, Avagnina ha disputato 27 gare: dopo l’esordio nel 2006 nella Coppa Intercontinentale (.333/.333/.500 le sue medie), l’anno successivo ha preso parte a Europei (.455/.500/.545) e World Cup (.300/.417/.600).
Il giocatore, che ha già iniziato ad allenarsi coi nuovi compagni, andrà ad affiancare in campo esterno i confermati Chiarini, Crociati e Signorini.



< Articolo precedente Articolo successivo >