Luned́ 23 Novembre19:39:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Arriva l'Amministratore di Sostegno in Emilia Romagna

Attualità Rimini | 19:07 - 06 Settembre 2009

E'la legge numero 6 del 9 gennaio 2004 ha introdurre una nuova figura di sostegno per la tutela legale e la protezione delle persone con gravi disabilità. Questo nuovo Amministratore di sostegno si aggiunge agli istituti dell´interdizione e dell´inabilitazione con il compito di assistere in modo più adeguato la persona, rispettando i suoi bisogni, le sue aspirazioni e i suoi limiti, prendendosi cura e non sostituendosi ad essa.

Istituita con una legge nazionale nel 2004, rappresenta un passo importante verso il riconoscimento dei diritti fondamentali anche in presenza di deficit fisici o psichici che compromettono in tutto o in parte, in modo permanente o temporaneo, l’autonomia di una persona.

La caratteristica dell’amministratore di sostegno è quella di non essere lesivo della libertà individuale e di non sostituirsi al beneficiario nel decidere. Semplicemente si tratta di affiancarlo nella realizzazione pratica delle sue volontà, garantendo la tutela della dignità e della qualità di vita. Persone disabili, anziani, tossicodipendenti e alcolisti potranno designare un famigliare, un convivente, un parente o in certi casi un operatore col quale abbiano instaurato una relazione di aiuto, per poter realizzare le proprie volontà sia nell´immediato, sia nel caso sopraggiungessero situazioni di incapacità a fare e a deliberare.
Sul piano pratico la legge regionale prevede percorsi di formazione e di aggiornamento per i futuri amministratori ma anche per le famiglie e i soggetti interessati ad avvalersene. In quest´ottica, la Regione può raccordarsi con altri enti o autorità e con il privato sociale. Il provvedimento prevede anche di istituire a livello locale elenchi dei soggetti disponibili e qualificati ad assumere l’incarico di amministratore di sostegno, e la creazione di strutture di consulenza in materia legale, economica, sociale e sanitaria alle quali gli amministratori possano rivolgersi.

Nella foto Roberto Piva Presidente della Commissione assembleare  "Politiche per la Salute e Politiche Sociali