Domenica 01 Agosto09:32:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Apertura dello Sportello Asilo Politico, la Provincia risponde alla Voce

Attualità Riccione | 12:40 - 02 Settembre 2009 Apertura dello Sportello Asilo Politico, la Provincia risponde alla Voce

Riceviamo e pubblichiamo:

In riferimento alle notizie riportate quest'oggi dal quotidiano 'La Voce di Romagna' in relazione all’apertura dello Sportello Asilo Politico, al fine di evitare interpretazioni distorte dell'iniziativa, si precisa quanto segue:

1.   La Provincia di Rimini - che fa parte della rete nazionale di accoglienza rifugiati, insieme ad altri 138 enti locali che aderiscono al Sistema Nazionale di Protezione per richiedenti asilo e rifugiati SPRAR – non ha aperto alcun nuovo ufficio: lo Sportello Asilo Politico rappresenta l’offerta di un nuovo servizio (organizzato con appositi orari in collaborazione con il Comune di Rimini) nell’ambito delle attività già svolte dal Servizio Politiche per l’immigrazione.

2.   Fonte unica di finanziamento del Progetto di Accoglienza e  Integrazione intitolato “Provincia di Rimini: terra d’asilo” e con risorse economiche specificatamente destinate è il Ministero dell’Interno. Si tratta di risorse del Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo, di cui all'art. 1 sexies D.L. n. 416 del 1989, convertito con modifiche con Legge n.39 del 1990  e  introdotto dall'art 22 legge 30 luglio 2002, n 189.(Bando S.P.R.A.R.): pertanto, nessuno spreco di risorse pubbliche, ma valorizzazione di quelle esistenti (il Servizio della Provincia) e destinate dal Ministero (il Bando S.P.R.A.R.).

3.   Il progetto Ministeriale “Provincia di Rimini: terra d’asilo” ha ottenuto il massimo dei finanziamenti richiesti e previsti dal Bando S.P.R.A.R, proprio per la qualità e l’articolazione del progetto (tra i vari servizi attivati c’è anche lo sportello orientativo e legale di cui trattiamo).

4.   La sollecitazione a progettare è inoltre stata rafforzata nel Luglio 2008 dalla Direzione del Servizio centrale – Ministero dell’Interno, con la presentazione del Bando S.P.R.A.R.

5.   E' improprio collegare le presenze sul territorio di Rimini dei rifugiati e richiedenti asilo con i permessi rilasciati dalla Questura di Rimini. L’assoluta maggioranza delle domande viene presentata ai territori di frontiera e/o dove sono presenti i Centri di accoglienza richiedenti Asilo e viene effettuata l’identificazione dei richiedenti (C.A.R.A.): la Questura competente è quella dove viene presentata la domanda. Poi i richiedenti e titolari di protezione si muovono sui territori, e Rimini è oggettivamente territorio di grande attrazione. Lo sportello è utile a rilevare anche le effettive presenze di questa tipologia di migranti.

Ufficio Stampa Provincia di Rimini

< Articolo precedente Articolo successivo >