Sabato 28 Novembre06:11:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Anche a Rimini arriva il vaccino Hpv

Sanità Rimini | 08:25 - 24 Aprile 2008

L'Azienda Usl Rimini informa che la Regione Emilia Romagna ha dato vita alla campagna vaccinale contro il papillomavirus, o hpv. Si tratta di un imponente progetto sanitario, mirato alla prevenzione del tumore al collo dell’utero, per il quale ogni anno, in Italia, circa 3.500 donne si ammalano, e 1.000, purtroppo, muoiono. Nella sola regione Emilia Romagna si verificano 224 nuovi casi annui, con 56 decessi. Nella provincia di Rimini negli ultimi dieci anni sono stati diagnosticati, solo attraverso gli screening oncologici, 44 tumori al collo dell’utero (oltre a ben 553 lesioni precancerose). Il cancro al collo dell’utero è dunque, ancora, una malattia mortale, e molto seria. Perciò è di fondamentale importanza la prevenzione. Grazie agli screening in dieci anni sono stati evitati, nel Riminese, 207 cancri, ma una chiave di volta potrà essere, d’ora in poi, la vaccinazione contro il papillomavirus, o Hpv. Il tumore al collo dell’utero ha infatti tra le sue cause l’infezione da papillomavirus, che si contrae in seguito all’attività sessuale. Perciò il vaccino ha la sua massima efficacia se somministrato prima dell’inizio dell’attività sessuale della donna. La Regione ha di conseguenza deciso di distribuirlo gratuitamente alle ragazzine di 11 e 12 anni (nate nel 1997 e nel 1996) e di offrirlo ad un prezzo assai calmierato, per le ragazze da13 a 18 anni (107 euro per ognuna delle tre dosi, ma comprendente già anche il costo di somministrazione). Ma mentre le ragazzine di 11 anni saranno chiamate direttamente (le lettere alle loro famiglie sono già partite, e le prime vaccinazioni si stanno effettuando da ieri), le ragazzine tra 13 e 18 anni (o le loro famiglie), se desiderano la vaccinazione dovranno rivolgersi direttamente all’Azienda Usl, contattando i numeri e secondo le modalità che seguono.