Sabato 21 Settembre14:25:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Progetto di Romagna Compost sarà premiato ad ecomondo

Ambiente Rimini | 14:44 - 03 Novembre 2010 Progetto di Romagna Compost sarà premiato ad ecomondo

Circa 8.000 MWh all'anno di energia elettrica generata (pari al 10% di quella consumata dai cittadini di Cesena per consumi domestici) e 8.000 tonnellate annue di compost biologico prodotto. Il tutto grazie allo smaltimento, totalmente inodore, di 40.000 tonnellate annue di rifiuti organici. Queste le prestazioni che avrà a regime l'impianto di Romagna Compost (gruppo Hera) di Cesena. Segnalata tra le prime dieci aziende per il settore rifiuti dalla Commissione per il 'Premio sviluppo sostenibile 2010' nell'ambito della fiera Ecomondo in corso a Rimini fino a sabato, il premio sarà assegnato domani. La particolarità del processo sta soprattutto nella tecnologia usata (si chiama fermentazione a secco) che al momento è unica in Italia. In sostanza l'impianto (potenziato e completamente rinnovato nei mesi scorsi con un investimento di 7,5 milioni) tratta i rifiuti simulando il processo di masticazione e digestione di una mucca. In particolare, vengono smaltiti rifiuti organici da raccolta differenziata, scarti di industrie conserviere e ortofrutticole, di attività zootecniche, di manutenzione del verde e scarti lignocellulosici. Il rifiuto triturato staziona in 'garage' alti cinque metri, lunghi 18 e larghi dieci, per circa 30 giorni a 37°C. I batteri, uguali a quelli dello stomaco delle mucche, compiono il processo di digestione producendo biogas, un gas a base di metano usato per produrre l'energia rinnovabile. Al termine della digestione il materiale è avviato a una fase di compostaggio che ne consente l'utilizzo finale come terriccio per vasi o fertilizzante in agricoltura. Il compost prodotto è certificato per agricoltura biologica. A regime il progetto dovrebbe evitare di smaltire in discarica oltre 770.000 tonnellate di rifiuti l'anno. Quantità che invece sarebbero usate per produrre 115.000 tonnellate di fertilizzanti e 200 GWh di energia elettrica, risparmiando così l'emissione di 210.000 tonnellate di CO2.