Lunedì 05 Giugno15:15:42
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, sabato 22 luglio si apre il festival 'Parco Poesia' al Lapidario Romano del Museo della Città

Eventi Rimini | 12:30 - 21 Luglio 2017 Rimini, sabato 22 luglio si apre il festival 'Parco Poesia' al Lapidario Romano del Museo della Città

Sabato 22 Luglio si apre alle 16.00 al Lapidario Romano del Museo della Città la quattordicesima edizione di Parco Poesia, il festival della poesia giovane curato da Isabella Leardini in collaborazione con il Comune di Rimini e con l’apporto del brand Terranova. Draghi, sirene, unicorni e molti altri animali strani appariranno nelle corti e nei giardini segreti di Rimini insieme a più di 50 poeti provenienti da tutta Italia per il festival, che è riferimento nazionale per i giovani che scrivono versi. ''La poesia è un drago'' è infatti il titolo di quest’anno, il simbolico che entra nel reale e accende il presente di significati antichi e di visione, è il tema di cui parleranno per la conversazione inaugurale alcuni maestri della poesia contemporanea: Rosita Copioli, Roberto Mussapi, Umberto Piersanti e Davide Rondoni. A seguire sempre al museo si presenta la collana di poesia delle Edizioni Donzelli, una delle più prestigiose e amate, che accoglie nel suo ventennale catalogo grandi nomi della poesia italiana e internazionale, a parlarne insieme alla curatrice Elisa Donzelli il critico letterario del Corriere della Sera Roberto Galaverni, che introdurrà la lettura di uno dei maestri editi nella collana, il poeta Francesco Scarabicchi. Il festival alle 18.30 si sposta nel giardino di Palazzo Lettimi, in collaborazione con il festival Le Città Visibili che allestisce questo luogo meraviglioso e nascosto facendone un luogo di cultura da scoprire. Qui si terrà il reading in cui gli autori ospiti condivideranno il palco con giovani autori e talenti esordienti. Alle 21.30 sempre al Giardino di Palazzo Lettimi la cantautrice Maria Antonietta presta la sua voce alle grandi poetesse del passato, da Emily Dickinson a Wislawa Szymborska passando per Sylvia Plath, Marina Cvetaeva e Cristina Campo. Maria Antonietta legge una scelta di testi del cuore che hanno ispirato anche la composizione delle sue canzoni, trovano spazio tra i testi anche una manciata di brani in acustico. Ad aprire la serata i giovanissimi poeti che nelle scuole superiori di Rimini e Riccione hanno frequentato i laboratori di poesia di Isabella Leardini. La prima giornata del Festival è in collaborazione con Atelier delle Arti, la vacanza studio del Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna curata da Davide Rondoni. In caso di pioggia tutti gli eventi della prima giornata si terranno presso la Sala del Giudizio del Museo della Città

< Articolo precedente Articolo successivo >