Mercoledý 18 Ottobre04:42:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Effetti del caldo, siccità e allarme agricoltura. Gnassi: 'Nel riminese situazione di stress'

Attualità Rimini | 15:07 - 19 Giugno 2017 Effetti del caldo, siccità e allarme agricoltura. Gnassi: 'Nel riminese situazione di stress'

A Rimini scoppia l'allerta da 'maltempo estivo'. Giugno rischia infatti di passare alla storia come uno dei mesi più caldi: non ai livelli del 2003, ma potrebbe avvicinarsi o addirittura superare il giugno del 2012, vista l'imminente ondata di caldo. In base agli ultimi aggiornamenti dei modelli previsionali, il caldo sarà molto intenso tra venerdì 23 e martedì 27 giugno. All' inizio della prossima settimana sono possibili forti venti di libeccio, che porterebbero i primi 40° di stagione nelle zone di pianura interna. La pioggia è attesa intorno al 29 giugno, anche se la notevole distanza temporale invita alla prudenza. Nel riminese è così allerta per il livello dei corsi d'acqua principali (Marecchia, Ausa, Conca e Uso), dell'intera rete idrica e dello stato delle falde sotterranee. Per luglio e la prima metà di agosto è difficile attendere una svolta: l'assenza di precipitazioni per questi 45 giorni dell'anno è sostanzialmente naturale, non lo è invece la scarsità di precipitazioni registrate in Primavera e nel mese di giugno. Il Presidente della Provincia di Rimini Andrea Gnassi parla di una "situazione di stress del territorio, per le condizioni di umidità dei terreni e per la rapida diminuzione delle risorse idriche del suolo e dei corsi idrici superficiali". "E' una situazione da tenere monitorata specialmente per gli effetti che potrebbe avere sull'agricoltura - prosegue il Presidente Gnassi - a tal fine, siamo in costante contatto con la Regione e con Arpae”.

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini seconda città più pericolosa in Italia