Mercoledý 24 Luglio06:57:47
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO: palpeggia la barista, battute volgari e molestie ai clienti. L'incubo in un bar di Cattolica

Cronaca Cattolica | 12:57 - 13 Giugno 2017

Stalking, violenza sessuale e lesioni personali. Sono le accuse che hanno portato all'emanazione di una misura cautelare nei confronti di un 28enne nigeriano, un uomo manesco e con il vizio dell'alcool, già sottoposto a divieto di avvicinamento nei confronti dei propri genitori. Il giovane si trova ora agli arresti domiciliari, dopo le indagini condotte dal Sostituto Procuratore Davide Ercolani e dai Carabinieri di Riccione, coordinati dal Capitano Marco Califano.

L'incubo per una barista di Cattolica e per tutti gli avventori del locale è iniziato a marzo scorso, quando il nigeriano ha iniziato a mettere in atto condotte moleste: esigeva da bere utilizzando toni minacciosi, molestava i clienti, ma soprattutto ha rivolto le proprie attenzioni alle due bariste, una delle quali vittima anche di molestie sessuali. Una sera infatti lo ha accompagnato fuori dal locale, rifiutandosi di servirgli dell'alcool in quanto era già ubriaco: lui in tutta risposta le ha palpeggiato il fondoschiena. 

Comportamenti irriguardosi e minacciosi sono stati messi in pratica anche in presenza del marito e del padre di una delle bariste; nel sottolineare l'avvenenza di quest'ultima, il 28enne non esitava a compiere gesti volgari, mimando ad esempio dei rapporti sessuali. Chi osava alzare la voce, veniva aggredito verbalmente e talvolta fisicamente.