Giovedý 13 Maggio12:41:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Profughi alloggiati a Bellaria vicino alla spiaggia e nascosti dietro una siepe. La Lega: 'non serve, vengano spostati'

Attualità Bellaria Igea Marina | 11:19 - 13 Maggio 2017 Profughi alloggiati a Bellaria vicino alla spiaggia e nascosti dietro una siepe. La Lega: 'non serve, vengano spostati'

Ancora polemiche sull'arrivo dei rifugiati nei territori riminesi. “Via i ‘profughi’ da Bellaria”, attacca il Segretario Provinciale della Lega Nord, Bruno Galli. "Non sono bastate le rassicurazioni della Prefettura di Rimini perché alla fine, a stagione già avviata, i cosiddetti richiedenti asilo sono arrivati anche Bellaria, a pochi passi dal litorale romagnolo nella struttura ricettiva di Villa Paola - attacca Galli - una decisione fuori luogo e fuori tempo massimo che non possiamo assolutamente condividere e che rischia di compromettere il lavoro e i sacrifici dei nostri albergatori”.


Galli, lanciato l'allarme, sollecita "iniziative urgenti per tutelare gli interessi di imprenditori e residenti di Igea Marina che stanno vivendo una situazione di chiara sofferenza”. Questo perché, denuncia il segretario della Lega “l’hotel Villa Paola si trova a pochi passi dalla spiaggia e nei pressi di camping e colonie. Il rischio è concreto è si può tradurre in un drastico calo delle presenze. Certo ci saremmo aspettati una maggiore sensibilità da parte del proprietario della struttura che, peraltro, siede tra i banchi del consiglio comunale e dovrebbe conoscere bene le gravi implicazioni dell’accoglienza in un Comune turistico".


Galli, inoltre, commenta così l’annuncio dell’imminente realizzazione “di una siepe per impedire la visuale di queste persone a chi passa strada. Un escamotage che fa sorridere e che di certo non si coniuga con le ‘buone’ intenzioni di chi predica l’accoglienza. Ci dicano, così facendo, quale sarebbe l’obiettivo di questo strumento perché delle due l’una: o l’integrazione o la ghettizzazione".

“La soluzione per noi è semplice - conclude l’esponente della Lega - i migranti non possono stare qui e vanno spostati altrove perché Bellaria è una località turistica e non può essere immolata alla causa dell’immigrazione selvaggia.”

< Articolo precedente Articolo successivo >