Venerdý 14 Maggio11:55:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Parco del Mare di Rimini, otto operatori economici su dieci hanno raggiunto gli obiettivi del progetto

Attualità Rimini | 13:57 - 08 Maggio 2017 Parco del Mare di Rimini, otto operatori economici su dieci hanno raggiunto gli obiettivi del progetto

Il progetto del Parco del Mare è stato l’oggetto della seconda parte della commissione, che ha discusso la mozione presentata dal consigliere comunale Gioenzo Renzi. Attualmente il progetto del Parco del Mare è in una nuova importante fase, quella della negoziazione con i soggetti privati che hanno presentato le 155 “manifestazioni di interesse" per la riqualificazione del lungomare. Questa nuova fase arriva dopo un’attenta istruttoria condotta dal Gruppo di lavoro, che nei mesi scorsi ha valutato le proposte di intervento presentate all’Amministrazione in forma singola o associata, coinvolgendo nel complesso 365 operatori economici privati. Delle 155 manifestazioni di interesse, 128 sono state meritevoli di accoglimento perché risultate strategiche (50) o adattabili (78), dimostrando quindi che l’82% degli operatori economici ha colto gli obiettivi del progetto Parco del mare. La fase di “negoziazione” con i privati prevede la redazione di una “rappresentazione schematica preliminare” dell’intervento, che ha lo scopo di armonizzare il progetto dell’opera pubblica con i “campi di intervento” dati in concessione agli operatori. Alla conclusione della fase negoziale sarà redatto il “progetto urbanistico complessivo” composto dall’opera pubblica armonizzata con gli interventi dei privati sulle aree pubbliche da concedere in diritto di superficie. A tale progetto complessivo andranno applicati i criteri e i requisiti del “progetto architettonico paesaggistico guida”, incarico che sarà affidato attraverso un bando appena pubblicato ad un professionista esterno e che avrà il compito di dare indicazioni rispetto alle tipologie architettoniche, ai materiali delle pavimentazioni, all’organizzazione del verde con particolare attenzione all’inserimento di specifiche funzioni (palestre a cielo aperto, piscine ecc…), all’introduzione di sistemi tecnologici, alla valorizzazione degli aspetti illuminotecnici e quant’altro possa conferire al progetto, nel suo complesso (pubblico e privato), un profilo riconoscibile. Il progetto urbanistico complessivo sarà approvato dall’Amministrazione Comunale e costituirà atto di indirizzo per la successiva approvazione degli Accordi di programma.

< Articolo precedente Articolo successivo >