Mercoledý 03 Marzo22:16:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: prestiti usurai a persone in difficoltà, si faceva ricco stipendio e manteneva la famiglia. Ai domiciliari 58enne

Cronaca Rimini | 11:45 - 29 Aprile 2017 Rimini: prestiti usurai a persone in difficoltà, si faceva ricco stipendio e manteneva la famiglia. Ai domiciliari 58enne

Sono cinque casi di usura e un'estorsione i reati contestati a G.B., 58enne di Catania conosciuto nell'ambiente come "Pippo". E' quanto emerso dalle indagini dei Carabinieri di Rimini, coordinate dai sostituti procuratori Luca Bertuzzi ed Elisa Milocco. Tutto è partito dall'arresto dell'uomo, il 10 dicembre 2016, caduto nella "trappola" messa in atto dai Carabinieri guidati dal Maggiore Ferruccio Nardacci. "Pippo" era stato colto sul fatto mentre intascava 500 euro da una donna vittima di usura. Con sè l'uomo aveva un'agendina, con nomi e numeri di telefono. I Carabinieri hanno avviato le indagini e hanno ricostruito i loschi affari del 58enne: nel giro di usura erano finite persone in condizioni economiche disagiate, bisognose di prestiti per arrivare a fine del mese e impossibilitate a restituire il denaro prestato, ma costrette al pagamento puntuale degli interessi. Con quelle somme "Pippo" si faceva uno stipendio sostanzioso ogni mese e manteneva la propria famiglia. L'uomo è dal dicembre 2016 ai domiciliari, considerate le sue condizioni di salute precarie: è stato raggiunto da una nuova ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. L'uomo, tramite i propri legali, aveva fatto richiesta - poi respinta - di revoca della misura cautelare.

< Articolo precedente Articolo successivo >