Mercoledý 24 Febbraio18:47:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Giornalismo d'inchiesta, ecco i finalisti dei Dig Awards di Riccione

Attualità Riccione | 12:12 - 28 Aprile 2017 Giornalismo d'inchiesta, ecco i finalisti dei Dig Awards di Riccione

Entrano nel vivo i DIG Awards, premi internazionali dedicati al giornalismo d’inchiesta video che saranno assegnati a Riccione durante il prossimo DIG Festival, in programma dal 23 al 25 giugno. L’edizione 2017 si segnala per la dimensione sempre più internazionale del concorso. Gli oltre 220 lavori iscritti sono, infatti, prodotti in 22 paesi e provengono da tutti i continenti: non solo dall’Europa, ma anche da Australia, Stati Uniti, Canada, Brasile,Tunisia, Egitto e Iraq. 

L’estrema varietà del concorso è rispecchiata anche dai finalisti: 15 opere tra inchieste e reportage, suddivise in cinque categorie.

La selezione di tutti i finalisti e la scelta dei vincitori dei DIG Awards è affidata a una giuria internazionale presieduta da Jeremy Scahill, reporter statunitense premiato per due volte con il prestigioso George Polk Award. Insieme a lui compongono la giuria: Alexandre Brachet (Upian), Riccardo Chiattelli (laeffe), Pino Corrias (Rai), Corrado Formigli (La7), John Goetz (NDR/Süddeutsche Zeitung), Morten Møller Warmedal (NRK), Marco Nassivera (arte), Alberto Nerazzini (Dersu), Maggie O’Kane (The Guardian), Hans Peterson Hammer (SVT), Andrea Scrosati (Sky Italia) e Margo Smit (NOS).

Durante il DIG Festival verranno presentate a Riccione tutte le opere finaliste. Per tre giorni la manifestazione proporrà inoltre incontri, proiezioni, spettacoli e i workshop della DIG Academy, un fitto calendario di seminari professionali accreditati dall’Ordine dei giornalisti.

< Articolo precedente Articolo successivo >