Sabato 06 Marzo03:01:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Oltre 1000 euro per i bimbi ricoverati all'ospedale di Rimini grazie a una divertente commedia in dialetto

Attualità Rimini | 10:45 - 25 Aprile 2017 Oltre 1000 euro per i bimbi ricoverati all'ospedale di Rimini grazie a una divertente commedia in dialetto

Continua l’opera di sostegno alla Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale “Infermi” di Rimini, da parte dell’associazione “La Prima Coccola”, costituita da genitori di bimbi nati gravemente pretermine. Grazie ad una rappresentazione teatrale benefica, l’associazione ha infatti raccolto fondi per dar vita ad un importante progetto, che la TIN di Rimini, prima in Italia, sperimenterà. Si tratta del progetto “Home visiting”, vale a dire un sostegno psicologico per le famiglie dei bimbi pretermine, che “esce” dalle mura ospedaliere per arrivare a casa. Una continuità al sostegno psicologico che le famiglie hanno in reparto, anche nel momento in cui, tornando al proprio domicilio, ci può essere il rischio di sentirsi un po’ più “soli”.

La rappresentazione teatrale, organizzata da “La Prima Coccola”, si è svolta il 25 marzo scorso presso il teatro parrocchiale di Bellariva – Marebello: sul palco la compagnia dialettale “Mei ch’ne gnint” e l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco che hanno messo in scena “Na fameja scumbineda”, la classica commedia degli equivoci per di più in “salsa” romagnola, che ha fatto divertire il foltissimo pubblico che ha gremito il teatro in ogni ordine di posti (qualcuno è anche dovuto restare in piedi). 

“E proprio grazie alla grande affluenza e generosità dei partecipanti – sottolineano dall’Associazione “La Prima Coccola” - sono stati raccolti 1.400 euro che serviranno per far partire il progetto ‘psicologa a casa’ che permetterà alle famiglie  di avere un supporto psicologico direttamente nel proprio ambiente famigliare”. Sentiti ringraziamenti anche alla compagnia e all’associazione dei Vigili del Fuoco nonchè, da parte dell’Ausl Romagna e dal direttore della Tin, dottoressa Gina Ancora, a “La Prima Coccola” che ha organizzato il tutto.

< Articolo precedente Articolo successivo >