Lunedė 08 Marzo17:01:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Multe salate a Rimini per chi smaltisce i rifiuti in modo errato o li abbandona

Attualità Rimini | 16:43 - 31 Marzo 2017 Multe salate a Rimini per chi smaltisce i rifiuti in modo errato o li abbandona

Controlli più puntuali e sanzioni più pesanti per chi abbandona i rifiuti, ma anche per chi danneggia i cassonetti o non rispetta gli orari del porta a porta. E’ stata pubblicata dal Comune di Rimini la nuova ordinanza sul “controllo del corretto conferimento dei rifiuti e sul corretto funzionamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilati”, un provvedimento che recepisce le indicazioni del regolamento regionale (Atersir) e che dunque rende omogenee tipologie e importi delle sanzioni. Rispetto alle precedenti disposizioni quindi aumentano le tipologie di comportamenti scorretti sanzionabili e si inaspriscono le sanzioni: nel dettaglio, chi sarà sorpreso collocare i rifiuti (anche se in involucri protettivi perfettamente sigillati) all'esterno dei contenitori predisposti, sarà punito con una sanzione da €104, il doppio di quanto previsto dalla precedente ordinanza. E’ di 166 euro invece la sanzione prevista per chi abbandona i rifiuti urbani non pericolosi su suolo pubblico. Il regolamento introduce sanzioni anche per chi utilizza i contenitori anche quando il grado di riempimento non ne consenta la perfetta chiusura (€52) e soprattutto per chi sposta, ribalta o danneggia le attrezzature messe a disposizione dal gestore per il conferimento dei rifiuti (€300). Giro di vite anche per chi non usufruisce correttamente del servizio porta a porta: viene infatti sanzionata l’esposizione dei rifiuti in orario non consentito (dai €104 ai €300 euro a seconda della tipologia del rifiuto) e il posizionamento di contenitori privati su suolo non previsti dalla regolamentazione del servizio porta a porta (€104). 

L'ordinanza dispone anche che le Guardie ecologiche volontarie, in collaborazione con la Polizia Municipale, effettui controlli, selettivi e non generalizzati, dei sacchetti contenenti rifiuti e dei rifiuti abbandonati all’esterno dei cassonetti stradali e dei materiali conferiti nei contenitori della raccolta differenziata.

< Articolo precedente Articolo successivo >