Mercoledý 03 Marzo21:48:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La Guardia di Finanza di Rimini sequestra undici unità immobiliari, nel mirino è finita una nota azienda edile

Cronaca Rimini | 15:32 - 31 Marzo 2017 La Guardia di Finanza di Rimini sequestra undici unità immobiliari, nel mirino è finita una nota azienda edile

Oltre 2 milioni di euro di ricavi non dichiarati e tasse evase per oltre 500.000 euro. Un'impresa della Provincia di Rimini, operante nel settore edile, è risultata sconosciuta al fisco per il triennio 2011-2013. Le indagini della Guardia di Finanza di Rimini hanno accertato l'omessa istituzione delle scritture contabili e la mancata effettuazione delle dichiarazioni fiscali. Denunciato l'amministratore formale dell'azienda, 48 anni, nonché l'amministratore di fatto, un imprenditore riminese 49enne. Quest'ultimo ha sulle spalle una condanna per bancarotta relativamente al fallimento di un'altra società del settore edile, inoltre è indagato, con altri due soggetti, per la gestione di una terza società. 

Relativamente all'ultima indagine della Finanza, il Gip, concordando con l'istanza del Sostituto Procuratore Paolo Gengarelli, ha disposto sequestri per equivalente di undici unità immobiliari, per un valore complessivo di oltre 900.000 euro. Tutti gli immobili erano gravati da numerose iscrizioni di ipoteche. Nei guai è finita anche la moglie del 49enne, denunciata per il riciclaggio di parte dei proventi dell'evasione fiscale, oltre 80.000 euro. Soldi che sarebbero stati utilizzati su siti di scommesse on-line. In precedenza erano finiti sotto sequestro anche i saldi dei conti correnti intestati agli indagati, per oltre 7000 euro.

< Articolo precedente Articolo successivo >