Mercoled 18 Ottobre04:33:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Depuratore di Riccione, quasi completata vasca di laminazione, pronta prima di Pasqua

Attualità Riccione | 11:42 - 20 Marzo 2017 Depuratore di Riccione, quasi completata vasca di laminazione, pronta prima di Pasqua

Sono in fase di completamento i lavori per la realizzazione della vasca di laminazione a servizio del depuratore di Riccione. L’opera, che è inserita nel piano investimenti di Atersir, rappresenta un importante tassello per migliorare l’efficienza del sistema fognario depurativo e permetterà di sottoporre a un completo processo di depurazione le acque di prima pioggia in caso di forti precipitazioni. 

In particolare, in presenza di precipitazioni importanti, la vasca servirà da “cuscinetto di compensazione” delle acque di prima pioggia, con conseguente sgravio del carico del depuratore.

Questo permetterà di conseguire una significativa riduzione dell’impatto ambientale e inciderà sensibilmente sul miglioramento della qualità delle acque di balneazione, perché si permetterà una migliore gestione dei flussi in entrata, evitando in particolare di aprire il by-pass verso il torrente Marano presente in testa al depuratore.

La realizzazione di questa opera - commenta Fabrizio Mazzacurati, Responsabile Progettazione Ingegneria del Gruppo Hera - è stata voluta e finanziata da Hera per un importo di circa 3 milioni di euro. I lavori stanno procedendo, nonostante alcune modifiche al cronoprogramma iniziale. Prevediamo quindi di avviare la funzionalità della nuova infrastruttura prima delle prossime festività di Pasqua”.

L’intervento complessivo per la realizzazione dell’opera è stato suddiviso in due fasi. Nella prima è in corso di realizzazione una vasca interrata di capienza di 5.000 metri cubi; successivamente, contestualmente agli interventi in corso sulla rete fognaria (il Comune di Riccione ha da poco emesso un’ordinanza per la regolarizzazione degli allacci e il 22 marzo è previsto un incontro pubblico con tutti i soggetti interessati nella sala del Consiglio Comunale) e in base all’esito degli stessi, si passerà al secondo stralcio, per un volume di accumulo complessivo massimo di 10.000 metri cubi. La vasca, sarà ricoperta da uno strato di terra dello spessore di un metro, e non emetterà cattivi odori grazie alla presenza di un trattamento d’aria brevettato.

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini seconda città più pericolosa in Italia