Mercoledý 12 Agosto19:24:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Prime lauree a San Patrignano, 6 dottori in Comunità tramite piattaforma didattica on line

Attualità Rimini | 16:33 - 24 Febbraio 2017 Prime lauree a San Patrignano, 6 dottori in Comunità tramite piattaforma didattica on line

Hanno raggiunto un importante traguardo, la laurea in Psicologia, i sei ragazzi che dopo il percorso di recupero nella comunità San Patrignano venerdì mattina hanno ricevuto il diploma di laurea triennale dell'Università Telematica Internazionale Uninettuno. A 'Sanpa', dove i ragazzi hanno scelto di fermarsi per offrire il loro aiuto, si sono svolte le sedute di laurea e la proclamazione alla presenza del sottosegretario al ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Gabriele Toccafondi, del Rettore di Uninettuno, Maria Amata Garito e della co-fondatrice della Fondazione San Patrignano, Letizia Moratti. La laurea di questi studenti, ex tossicodipendenti, "testimonia infatti - dicono dalla comunità - che l'istruzione può contribuire alla riuscita del loro percorso di recupero, dando un'opportunità per progettare la vita che verrà dopo". Grazie all'accordo tra Uninettuno e San Patrignano, gli iscritti alla Facoltà di Psicologia hanno potuto seguire le lezioni del corso di laurea triennale tramite la piattaforma didattica on line dell'Ateneo e sostenere, quindi, gli esami nel "Polo Tecnologico Comunità di San Patrignano Onlus" creato da Uninettuno all'interno della Comunità. Attivato nel 2012, le iscrizioni all'Ateneo sono state 36, 26 i più numerosi a Psicologia, seguita da Economia, Scienze della Comunicazione e Ingegneria. "Grazie a questa sperimentazione partita nel
2012 - ha detto Toccafondi - è stato possibile per i ragazzi di San Patrignano portare a termine con successo il loro percorso di studio, esempio di impegno concreto". "Essere qui per me è una grande emozione - ha invece commentato il Rettore Uninettuno, Garito - perché vediamo i risultati di un lavoro cominciato anni fa". "La soddisfazione è per me doppia - ha quindi concluso la Moratti - per la personale vicinanza a San Patrignano e per l'esperienza da Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Ricordo bene quando nel 2012 abbiamo attivato il nuovo Polo Tecnologico presso la Comunità, eravamo molto motivati e fiduciosi sulla riuscita di questo progetto".