Mercoled 22 Novembre03:12:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio Femminile, Riccione in finale di coppa: schiantato il Parma 5-1, tris di Fratini

Sport Riccione | 13:20 - 16 Febbraio 2017 Calcio Femminile, Riccione in finale di coppa: schiantato il Parma 5-1, tris di Fratini

Femminile Riccione Calcio - Parma 5-1
Reti: 5′ Cesari, 10′ 18′ 24′ Fratini, 89′ Dominici, 90′ Boselli.


Femminile Riccione calcio: Meletti, Sintini, Balducci (Albani), Gostoli, Dominici, Cavalcoli, Peroni (Cavalcoli M.), Riceci, Fratini (Giardina), Vancini (Sommella),Cesari (Irmici)
All.Fabbri.


Parma – Lusignani, Maini, Cavagni, Arrigoni, Frati, Ngobi, Parizzi, Minari (Fontanesi), Boselli, Bandini, Botti. A Vallante, Calloni. All. Libassi
Arbitro: Sig. Balzano di Rimini

 
La Femminile Riccione approda in finale di Coppa Emilia sconfiggendo con un rotondo 5-1 un rimaneggiato Parma, trainato dalla coppia del gol Cesari-Fratini. Primo tempo a senso unico, con le riccionesi grintose e attive su ogni pallone, al 5' cross di Riceci e capitan Cesari trova il varco per trafiggere a tu per tu Lusignani. Trascorrono appena 5' minuti e le biancazzurre calano il bis con Peroni,che fa da sponda per Fratini abile a bucare il sacco. Al 18' Fratini approfitta di un rilancio corto della difesa ospite, fa sua la sfera, e centra il bersaglio, mentre al 24' tris dell'attaccante rivierasco, giunge su suggerimento di Cesari che non sbaglia. Nella ripresa il Riccione si rilassa, turn over di cambi, e il Parma ingrana le marce alte tentando la rimonta, a disinnescare le sortite, la difesa ospite gestita da Meletti. All'89' però sono nuovamente le riccionesi a siglare la cinquina con l'inzuccata di Dominici. Al 90' c'è spazio per il gol della bandiera con Cavagni che si libera degli avversari per poi servire Boselli che insacca di piatto. Grande gioia per questa vittoria da parte della Femminile Riccione che sarà impegnata domenica 30 aprile nella Finale di Coppa Emilia su campo neutro al cospetto dell'Olimpia Forlì.

Area SondaggiIl sondaggio

Rimini seconda città più pericolosa in Italia