Luned́ 12 Aprile05:57:05
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Crac ex società editrice 'La Voce', patron Celli ottiene revoca dei domiciliari nonostante parere contrario pm

Attualità Rimini | 12:30 - 30 Dicembre 2016 Crac ex società editrice 'La Voce', patron Celli ottiene revoca dei domiciliari nonostante parere contrario pm

Lo storico fondatore de "La Voce di Romagna" Gianni Celli ha ottenuto la revoca degli arresti domiciliari, nell'ambito dell'indagine sul crac dell'ex società editrice del quotidiano.  Il gip Fiorella Casadei ha accolto l'istanza promossa dagli avvocati Alessandro Catrani del foro di Rimini e Nicola Mazzacuva del foro di Bologna, disponendo l'obbligo di dimora, nel Comune di Verucchio, nei confronti dell'imprenditore. Il pm aveva dato invece parere contrario alla revoca dei domiciliari, disposta dal gip tenuto conto dell'età dell'indagato (ultrasettantenne) e della corretta esecuzione da parte di Celli degli stessi, dal 28 ottobre scorso. Inoltre le esigenze cautelari sono venute meno anche a seguito dell'estromissione dell'indagato dalle diverse società controllate e collegata alla fallita "Editrice La Voce srl". Soddisfatto l'avvocato Catrani: "Siamo molto soddisfatti e continuiamo nel serrato lavoro difensivo, unitamente al nostro consulente tecnico dr. Mario Ferri, volto a chiarire anche probatoriamente ogni aspetto dell'intera vicenda nelle sedi competenti". 

< Articolo precedente Articolo successivo >