Lunedý 10 Maggio06:54:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Altre due donne sole con figli a rischio sfratto, continua l'emergenza abitativa nel riminese

Attualità Bellaria Igea Marina | 14:19 - 15 Dicembre 2016 Altre due donne sole con figli a rischio sfratto, continua l'emergenza abitativa nel riminese

Martedì 14 dicembre, presso il Tribunale di Rimini, si è svolta la prima udienza per lo sfratto per finita locazione di Juliana, giovane mamma sola con un figlio piccolo a carico, assistita dal legale di Adl Cobas. Juliana ha maturato in questi mesi una morosità, trovandosi senza lavoro, morosità per la quale si è ottenuto il rinvio dello sfratto al 6 febbraio 2017.


Sempre martedì mattina, mentre si svolgeva l’udienza in Tribunale a Rimini, presso gli uffici del Comune di Bellaria si è svolto l’incontro con l’assistente sociale Forlazzini rispetto alla situazione di una cittadina bellariese sottosfratto, Loredana. 


Grande assente - all’ultimo momento - è stato l’Assessore alle Politiche sociali nonché Vicesindaco, Roberto Maggioli, che ha disertato l’incontro. 


"Una giunta comunale di centro destra - che ha vinto le elezioni amministrative a Bellaria con la retorica razzista del Padroni a casa nostra - ci ha mostrato ieri come la stessa retorica sia utilizzata, in altri termini, nei confronti di una donna italiana proveniente da un altro territorio, da tempo residente a Bellaria, separata e con due minori in età scolare a carico", attacca Adl Cobas.


Mercoledì mattina si è tenuto il terzo accesso dell’Ufficiale Giudiziario presso l’abitazione in cui vive Loredana con i suoi due figli. Erano presenti anche gli attivisti di ADL Cobas e una delegazione degli abitanti di Casa don Gallo di Rimini.  Lo sfratto è stato comunque rinviato al 26 gennaio. Adl Cobas si attiverà  nella richiesta di un nuovo incontro con il Comune, con l’obiettivo di ottenere soluzioni abitative non emergenziali, ma concrete ed idonee per Loredana e i suoi due figli. 


< Articolo precedente Articolo successivo >