Martedý 09 Agosto11:24:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Operaio riminese si finge malato, investigatore privato lo pizzica a svolgere altri lavori

Cronaca Rimini | 17:54 - 13 Dicembre 2016 Operaio riminese si finge malato, investigatore privato lo pizzica a svolgere altri lavori

Un ex operaio di una ditta di Poggio Torriana, specializzata nell'assistenza e riparazione di veicoli industriali, è a processo a Rimini con l'accusa di truffa aggravata. Dopo il licenziamento, l'uomo aveva perso il ricorso presso il giudice del lavoro, dovendo anche far fronte al pagamento dei 2300 euro di spese legali. Ora deve difendersi in sede penale, con la sua ex ditta parte civile, rappresentata dagli avvocati Fabrizio Ravagli, Silvia Mauri e Dennis Gori. In sostanza l'operaio "infedele" prendeva giorni di malattia a ridosso del weekend per svolgere altri lavori. Aveva perso il proprio impiego nel marzo 2014, dopo che era stato sorpreso a svolgere dei lavori a Trento, nell'ottobre dell'anno precedente, in un periodo di malattia per problemi allo stomaco. La ditta, che nutriva sospetti sull'infedeltà del proprio dipendente, aveva assodato un investigatore privato. Quest'ultimo aveva lavorato un mese sul dossier legato all'operaio, seguendo gli spostamenti con un segnalatore gps installato sulla sua automobile ed effettuando delle videoregistrazioni che lo inchiodavano alle proprie responsabilità. I rappresentanti legali della ditta hanno raccolto una precisa relazione da parte dell'investigatore, che sarà chiamato a testimoniare il prossimo autunno, alla ripresa del processo.

< Articolo precedente Articolo successivo >