Venerd́ 06 Dicembre01:45:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Gioele Dix mattatore sul palco del teatro Novelli di Rimini con "il malato immaginario"

Spettacoli Rimini | 11:15 - 29 Novembre 2016 Gioele Dix mattatore sul palco del teatro Novelli di Rimini con "il malato immaginario"

Il ricco mese di dicembre del Teatro Novelli si apre con un grande classico senza tempo, portato in scena da un cast di professionisti di talento diretti da una delle più apprezzate registe del nostro teatro. Da venerdì a domenica il palcoscenico riminese ospita “Il malato immaginario” prodotto dal Teatro Franco Parenti e diretto da Andrée Ruth Shammah, già alla regia del testo di Molière negli anni Ottanta, quando lo spettacolo irruppe nel teatro italiano con Franco Parenti nel ruolo di Argan. Nei panni del malato confinato in una sorta di limbo odoroso di unguenti e medicinali, la regista sceglie oggi Gioele Dix - già in scena nel Molière di allora - attore in grado di interpretare con intelligenza e ironia la paura e la solitudine del nostro tempo.

Shammah propone un Malato immaginario “senza tempo e di tutti i tempi”, privo di convenzioni, in tensione continua, costruendo con la parola e la sua densità tragicomica, un doppio livello di angoscia esistenziale e gioco teatrale, in grado di rappresentare le fragilità dell’uomo, la consapevolezza del disagio, del bisogno di difendersi dal mondo esterno e di fuggire le responsabilità dell’esistenza, in una consonanza col presente, con l’irreversibile condizione della perdita di fiducia in se stessi e nei propri simili.

Presente – nel ruolodel giovane Cleante – al fianco di Franco Parenti nella storica edizione de Il malato immaginario (1982), Gioele Dix ha recitato in più di quaranta spettacoli, diretto, tra gli altri, da Giorgio Gallione in Corto Maltese, da Sergio Fantoni in Edipo.com e sempre da Andrée Ruth Shammah in La Bibbia ha (quasi) sempre ragione, dei quali era anche autore. Noto al teatro italiano per la sua acuta ironia e per la sua capacità affabulatrice, vista nei suoi ultimi spettacoli Nascosto dove c’è più luce e DixPlay (100 e 150 repliche in tutta Italia) e in occasione dei GioveDix letterari su Calvino, Manganelli, Buzzati... Conta numerose partecipazioni al cinema e in programmi comici di successo in tv, come Mai dire gol e Zelig. Ultimamente sulle scene anche in veste di regista (Sogno di una notte di mezza estate, Oblivion show), ha pubblicato diversi libri (l’ultimo è Quando tutto questo sarà finito, Mondadori). Accanto a Dix sul palco ci sarà Anna Della Rosa, nei panni di Tonina capace di amare il padrone secondo i suoi umori e subirne le invettive: la quotidianità tra immaginazione e nevrosi. Pluripremiata attrice formatasi con Luca Ronconi e Massimo Castri, Anna Della Rosa ha lavorato tra gli altri con Peter Stein, Nanni Garella, Marco Bellocchio. E’ stata protagonista in Trilogia della Villeggiatura diretta da Toni Servillo e in BlackBird diretta da Lluis Pasqual. E’ la Ragazza Esangue ne La grande bellezza di Paolo Sorrentino. Fanno parte dell’ottimo cast Marco Balbi, (diretto nella sua carriera tra gli altri da Filippo Crivelli, Dario Fo, Giorgio Gallione, Giancarlo Sbragia, Andrée Ruth Shammah, Lina Wertmüller) e l’attrice riminese Linda Gennari, nei panni della moglie di Argan.  


Nella foto di scena: Gioele Dix (immagine di Fabio Artese)