Domenica 02 Ottobre05:59:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Fabio Savi, killer della Uno Bianca fa lo sciopero della fame: vuole un computer per scrivere libri

Attualità Rimini | 09:26 - 19 Ottobre 2016 Fabio Savi, killer della Uno Bianca fa lo sciopero della fame: vuole un computer per scrivere libri

"Mi dispiace per lui, non c'è niente che mi faccia pena". E' il commento fatto all'Ansa di Rosanna Zecchi, presidente dell'associazione che raccoglie i familiari delle vittime della banda della Uno Bianca, allo sciopero della fame iniziato da alcuni giorni da Fabio Savi, uno dei capi del gruppo criminale. Savi chiede di essere trasferito dal carcere di Uta (Cagliari). E' detenuto dal 1994 e sta scontando l'ergastolo per i delitti del gruppo criminale guidato da lui e dal fratello Roberto, che tra gli anni Ottanta e Novanta uccise 24 persone e ne ferì cento in Emilia Romagna e nelle Marche. Savi chiede un computer per poter scrivere libri e un lavoro interno al carcere, anche privo di collegamento internet. Tutti e tre i fratelli Savi, Fabio, Roberto (considerato la mente del gruppo) e Alberto, devono scontare tre ergastoli.  Non è la prima volta che il 'lungo' della banda dà vita a proteste. "Fabio - prosegue Zecchi - era presente a quasi tutti gli assalti, ha un bel coraggio a chiedere di 'fare'. Lui ha dato la possibilità agli altri di 'fare'? Come può pretendere delle cose quando ha fatto tanto male, quando ha tolto la vita a tante persone? Non riesco proprio a capire come faccia".

< Articolo precedente Articolo successivo >