Marted́ 21 Gennaio12:11:07
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Urne aperte in 16 Comuni in Regione per il referendum sulla fusione: si vota anche nel riminese

Attualità Rimini | 10:14 - 16 Ottobre 2016 Urne aperte in 16 Comuni in Regione per il referendum sulla fusione: si vota anche nel riminese

Urne aperte dalle 7 in 16 Comuni dell'Emilia-Romagna per il referendum consultivo su sei progetti di fusione. Sono chiamati al voto oltre 60mila elettori che varanno tempo fino alle 23 per esprimersi per il sì o per il no alla fusione del loro Comune

Nel Bolognese si vota, nella valle del Santerno, a Casalfiumanese, destinato eventualmente ad essere il capoluogo, Borgo Tossignano e Fontanelice.  A chiamarsi fuori dal Comune unico è stato l'ente più piccolo e più montano, Castel del Rio.

In provincia di Rimini i Comuni interessati alla consultazione sono Mondaino, Montegridolfo e Saludecio, dove gli elettori si dovranno pronunciare anche rispetto alla denominazione del nuovo ente tra ben otto possibilità: Castelli Malatestiani, Cinquecastelli, Valtavollo, Treterre, Alto Tavollo, Sant'Amato, Trecastelli di Romagna o infine Terre Malatestiane. A Ferrara il progetto di fusione è fra Mirabello e Sant'Agostino. Unione a tre anche nel Reggiano, dove il referendum riguarderà i cittadini di Campegine, Gattatico e Sant'Ilario d'Enza Due, invece, i progetti di fusione nel Piacentino: il primo riguarda i Comuni di Bettola, Farini e Ferriere, l'altra Ponte dell'Olio e Vigolzone.