Mercoledý 25 Novembre17:38:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Baseball, Rimini espugna San Marino in gara3, grande rimonta per i Pirati

Sport Rimini | 07:40 - 02 Agosto 2016 Baseball, Rimini espugna San Marino in gara3, grande rimonta per i Pirati

Il Rimini Baseball espugna il Serravalle Field in gara3 imponendosi in rimonta per 3-2 al decimo inning contro la T&A San Marino portando la serie sul 3-0. Davanti ad una bella cornice dipubblico presente sulle tribune dell’impianto sammarinese è andata in scena l’ennesima partita al cardiopalma dove San Marino per 7 riprese ha avuto in pieno controllo. Poi nel finale i Pirati con le unghie e con i denti sono riusciti a segnare all’ottavo e al nono i due punti del pareggio che hanno cambiato l’inerzia dell’incontro. Infatti al decimo gli uomini di Munoz hanno trovato la segnatura decisiva grazie al lancio pazzo a basi piene di Fracchiolla, poi un grande Cubillan ha condotto in porto un importantissimo successo che mette la formazione titana con le spalle al muro.

Rispetto alle precedenti due sfide parte bene la T&A San Marino, il leadoff Poma tocca un singolo, poi dopo l’out di Ermini, Vasquez batte valido. Il lungo contatto a sinistra di Mazzuca viene raccolto dal guanto di Retrosi (a pochi passi dalla recinzione), sull’azione Poma giunge in terza, ma sul conto di Colmenares il pitcher neroarancio Escalona commette il lancio pazzo che vale il momentaneo vantaggio sammarinese (1-0). Colmenares si guadagna la base ball, ma Imperiali sarà il terzo out (k girato). Due riprese più avanti i Pirati non concretizzano la prima possibilità di pareggiare, con due eliminati (Zappone e Caradonna), Di Fabio batte valido e Desimoni viene passato in base ball, ma la facile volata a destra di Retrosi spegne di fatto l’attacco riminese. Al quarto San Marino non riesce a sfruttare i problemi di controllo del partente Escalona, dopo aver concesso la base ball al ricevitore Albanese che riempie tutte le basi sale il manager Munoz che decide di sostituire Escalona con Teran. Il neo entrato termina la ripresa lasciando al piatto Pulzetti. Nella parte alta del sesto i Pirati proseguono col digiuno di segnature, Desimoni è salvo sull’errore di tiro dell’interbase Colmenares, poi Retrosi non riesce a spostare il compagno in seconda. Flores colpisce la sua prima valida della serie, ma Mayora batterà in doppio gioco vanificando questa offensiva ospite. Al settimo sul monte neroarancio c’è Padron (al posto di Teran) che dopo aver mandato in base ball Reginato commette un pesante errore di tiro in prima (tentativo di pickoff) che permette al corridore titano di giungere sino in terza. Dopo il ‘k’ di Albanese, il pinch hitter Santora concretizza spedendo a punto il compagno (2-0), poi Poma ed Ermini non produrranno altro. Sembra fatta per i padroni di casa, ma all’ottavo Rimini accorcia le distanze sul neo entrato Ortega che dopo aver lasciato al piatto Caradonna, incassa tre singoli in fila da Di Fabio, Desimoni e Retrosi. A basi piene, Flores realizza un bel contatto di sacrificio che finisce nel guanto dell’esterno sinistro sammarinese Vasquez (2-1), poi Mayora rompendo la mazza sarà out in diamante. Al cambio di campo Padron subisce due valide consecutive di Vasquez e Mazzuca che costringono il manager Munoz alla sostituzione del rilievo venezuelano con Rivera. Il mancino ex Parma esegue il compito di far battere male Colmenares per poi lasciar spazio all’ex Cubillan. Il veterano ex MLB chiuderà alla grande mettendo a segno due strike-out importanti su Imperiali e Reginato. Nell’ultimo assalto i Pirati trovano un insperato pareggio, dopo il ‘k’ di Ramos, Bertagnon si guadagna una base ball, mentre Zappone viene colpito. Nel box si presenta il pinch hitter Camargo che batte un preciso singolo al centro spingendo a casa base il pinch runner Babini (2-2), poi Di Fabio e Desimoni saranno eliminati. Nella parte bassa del nono la T&A nonostante il doppio di Santora non riuscirà a vincere la partita. Si va così agli extrainning (senza tie break). Il manager dei padroni di casa Mazzotti ha schierato in pedana Morreale al posto di Ortega. Il rilievo italo-americano colpisce Retrosi che ruba la seconda (scontro senza conseguenze con Colmenares) e giunge in terza sulla rimbalzante di Flores. Dopo la base intenzionale concessa a Mayora, con i corridori agli angoli e un out lo staff tecnico dei titani decide di utilizzare sulla collinetta Fracchiolla. Il mancino ex Ratisbona tira quattro ball a Ramos che colmano tutti i cuscini. Momento topico del match, sul conto del giovane riminese Celli prima viene espulso per proteste il managerpirata Munoz, poi accade l’episodio favorevole che gira la partita ovvero il lancio pazzo  del pitcher della T&A che consente a Retrosi di siglare il punto del decisivo sorpasso (2-3). San Marino prova con la forza della disperazione quanto meno di pareggiare, ma Cubillan dopo aver passato in base ball Vasquez resterà glaciale eliminando Mazzuca e Colmenares. Imperiali girerà a vuoto il settimo lancio del closer neroarancio facendo esplodere di gioia il pubblico di fede riminese.

Martedì sera (playball ore 20.30) il derby di semifinale playoff proseguirà sempre sul diamante di Serravalle con la decisiva gara4 che potrebbe chiudere anticipatamente i giochi in favore dei Pirati. Probabili partenti della sfida Hernandez per Rimini e Camacho per la T&A San Marino.

La foto è del fotografo FIBS Lauro Bassani