Giovedý 03 Dicembre14:09:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Casa Madiba al Rimini Summer Pride: sfilata per i diritti di tutti, anche dei lavoratori sfruttati

Attualità Rimini | 14:20 - 31 Luglio 2016 Casa Madiba al Rimini Summer Pride: sfilata per i diritti di tutti, anche dei lavoratori sfruttati

Gli attivisti di Casa Madiba esprimono la loro soddisfazione per l'esito del Rimini Summer Pride. "Il medioevo dei diritti non vincerà", spiegano in una nota, sottolineando il successo della manifestazione, che ha raccolto sul lungomare di Marina Centro migliaia di persone. Diritti da rivendicare per le coppie omosessuali, ma non solo. Casa Madiba per l'occasione ha riacceso i fari sullo sfruttamento dei lavoratori stagionali. Gli attivisti hanno ricordato anche il caso del cuoco, lavoratore precario, occupato in un ristorante di Riccione, vittima anche di discriminazione omofoba (ma il datore di lavoro ha denunciato per stalking il lavoratore). Infine un attacco a Forza Nuova: "Un pride profondamente antifascista e una piazza che se consapevole di chi sono i nuovi fascisti deve fare uno scatto di qualità nella misura in cui sotto attacco sono i diritti anche di altri cittadini, migranti e rifugiati in primis, poveri e persone senza casa", si legge nella nota. Diritti per tutti, uno slogan che Casa Madiba riafferma nel colorato carnevale estivo che ha animato, sabato sera, il lungomare di Rimini.

Abbiamo voluto declinare la nostra partecipazione valorizzando un percorso che stiamo attraversando, quello della Campagna contro lo sfruttamento nel Turismo, una campagna partecipata che ha coinvolto soggetti organizzati come noi ma anche singoli cittadini.

Abbiamo attraversato il Pride in forma non identitaria e con molta umiltà, consapevoli dei nostri limiti ma anche di quelli del percorso che a nostro avviso dovrebbe rivendicare maggiore autonomia dal Pd ( e dai suoi affari....) e al contempo iniziare a riflettere insieme su come le discriminazioni, il sessismo, l'omofobia si accompagnino a stretto giro con le forme di grave sfruttamento che attraversano il settore turistico stagionale ma non solo.

Siamo stati/e contenti/e di riprenderci collettivamente in tanti e tante le strada che abitiamo e che attraversiamo, di averle difese come spazi comuni di vita, con i nostri corpi che vogliamo sempre più liberi di autodeterminarsi fuori da ogni controllo e da ogni sfruttamento. Quando nelle strade ci sono sorrisi gioiosi, c'è la voglia di conoscersi e di non nascondersi, c'è la vita quelle sono anche le nostre strade, quelle che dobbiamo organizzare.

‪#‎LavoratoriSi ‪#‎SchiaviMai ‪#‎FightHomophobia ‪#‎FightFascism

Casa Madiba Network – Campagna contro lo sfruttamento nel Turismo

IL VOLANTINO DISTRIBUITO DURANTE IL PERCORSO DEL PRIDE

Perché partecipare al Summer Pride?? 

Lo sfruttamento dei lavoratori nel settore del Turismo passa attraverso una paga indegna ed orario di lavoro estenuante ma anche attraverso violenze fisiche e verbali con lo scopo di rendere il lavoratore stagionale succube totalmente ai ricatti del datore di lavoro.

Solamente un anno fa abbiamo assistito ad un gravissimo fatto di violenza, ricatto e sfruttamento con connotazione omofobica denunciati da un lavoratore precario occupato per qualche mese presso un ristorante della Riviera Romagnola nei pressi di Riccione. Questo lavoratore, oltre ad essere stato insultato continuamente per il suo orientamento sessuale, non veniva pagato da ben due mesi dal datore di lavoro e quindi ha deciso di sporgere una denuncia ai Carabinieri. 

Ora è necessario passare alla costruzione di una risposta condivisa, organizzata e comune che sappia indicare precise strategie a sostegno dei lavoratori e delle lavoratrici che subiscono discriminazione e sfruttamento sul posto di lavoro. Come "Campagna contro lo sfruttamento del lavoro nel Turismo" dal mese di agosto saremo attivi sul territorio del Comune di Rimini per sensibilizzare la cittadinanza e per portare un aiuto concreto a tutti i lavoratori e lavoratrici che in questa stagione turistica verranno sfruttati. 

Contro ogni forma di discriminazione e sfruttamento sul posto di lavoro!!!

#LavoratoriSI #SchiaviMAI