Marted 12 Novembre08:23:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Novafeltria, "muraglione" stravolto, interviene Direzione Futuro "riportare il fiume difronte alla roccia"

Ambiente Novafeltria | 12:11 - 27 Luglio 2016 Novafeltria, "muraglione" stravolto, interviene Direzione Futuro "riportare il fiume difronte alla roccia"

L'intervento effettuato al Muraglione di Secchiano sul Marecchia è stato molto criticato. Sull'argomento è intervenuto anche il gruppo consiliare di minoranza Direzione Futuro Novafeltria che in una nota stampa, riporta quanto fatto durante la precedente amministrazione comunale.

La zona, da sempre un luogo di ritrovo per i cittadini soprattutto in estate, è stata oggetto di intervento del Servizio Tecnico di Bacino. Un intervento ampiamente criticato da più parti. 

Di seguito la nota stampa di Direzione Futuro

In merito al discusso intervento da parte dell'STB (Servizio Tecnico di Bacino) effettuato nelle settimane scorse al Muraglione di Secchiano sul fiume Marecchia che tante proteste ha sollevato da parte dei secchianesi e che un comunicato dell'attuale Amministrazione attribuisce alla precedente Amministrazione vorremmo precisare quanto segue:

l'Amministrazione precedente ha, nei 5 anni di mandato, segnalato alla Protezione Civile Regionale e all'STB, a seguito di alluvioni succedutesi, danni e richieste di messa in sicurezza di alcuni tratti del Fiume Marecchia nell'area di Secchiano, in prossimità del campo sportivo e nel tratto al di sopra del Ponte di San Leo, lato Novafeltria, dove sono ceduti circa 80 metri di pista ciclabili nessuno degli interventi richiesti è stato finanziato, nonostante le ripetute richieste e sollecitazioni da parte dell'Amministrazione Comunale; nessuna richiesta per la manutenzione del Muraglione di Secchiano è arrivata agli Enti competenti da parte della passata Amministrazione. Come riferito dal Funzionario Cevoli dell'STB nell'incontro del 19 luglio, alla presenza del tecnico comunale e di un assessore dell'attuale Amministrazione insieme a numerosi secchianesi, la richiesta, alla quale non è mai stato dato seguito, risale a una decina di anni fa. Parliamo della messa in sicurezza di parte del muro ceduto a causa dell'erosione dell'acqua del laghetto del Muraglione che oggi è stato completamente riempito di massi ciclopici e il fiume deviato a circa 5 metri dal precedente tragitto. Inoltre nessuna comunicazione è stata data agli Amministratori affinché fosse informata la cittadinanza.


Pur apprezzando la volontà di salvaguardare e proteggere il muro interessato al cedimento, non comprendiamo e non condividiamo la modalità dell'intervento che ha snaturato uno dei luoghi simbolo per tante generazioni di giovani secchianesi, che passavano tutte le estati in questo tratto del fiume Marecchia, apprezzando la bellezza del luogo e gli spazi offerti dalla roccia ai piedi del muraglione.

Con questo comunicato, oltre a fare chiarezza sull'accaduto, intendiamo chiedere all'STB che ne ha la competenza di riportare per quanto possibile il corso dell'acqua di fronte alla roccia, ricreando la situazione antecedente all'intervento.