Luned́ 03 Ottobre12:36:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, inaugurato in biblioteca il Baby Pit Stop Unicef: le mamme che allattano sono benvenute

Attualità Santarcangelo di Romagna | 16:38 - 21 Luglio 2016 Santarcangelo, inaugurato in biblioteca il Baby Pit Stop Unicef: le mamme che allattano sono benvenute

Anche a Santarcangelo arriva il Baby Pit Stop, iniziativa promossa dall’Unicef per offrire a tutte le mamme un luogo dove poter allattare e cambiare il pannolino: per allestire la postazione inaugurata questa mattina (giovedì 21 luglio), l’Amministrazione comunale ha scelto la biblioteca Baldini, e in particolare la sala Mondo dei Piccoli, sia come collocazione naturale per la presenza costante di bambini e bambine, sia per la vicinanza del fasciatoio già disponibile in biblioteca, situato a pochi metri nell’area dei servizi. Accolte dal direttore della biblioteca Pier Angelo Fontana, all’inaugurazione erano presenti il sindaco Alice Parma, l’assessore ai Servizi educativi e scolastici Pamela Fussi e la presidente dell’Unicef di Rimini Anna Maria Piraccini.
 
Allattare al seno è un gesto semplice e naturale che tutte le mamme dovrebbero poter fare ovunque, ma che a volte risulta difficile, se non proibitivo” si legge sul sito dell’Unicef Italia, che proprio per questo si è posta come obiettivo – a cominciare dalle proprie sedi territoriali: i Comitati Provinciali e i Punti di Incontro – l'allestimento in Italia di mille Baby Pit Stop: ambienti protetti, in cui le mamme si sentano a proprio agio per allattare il loro bambino e provvedere al cambio del pannolino.
 
“Numerosi studi – dichiara l’assessore Fussi – dimostrano come l’allattamento materno sia fondamentale per il corretto sviluppo del bambino: diventa quindi altrettanto importante consentire alle neomamme di allattare in una situazione di confort, con la presenza di tutti i servizi necessari per la cura del neonato. L’atmosfera positiva di socialità che si respira in biblioteca ci ha fatti propendere per questa soluzione, dimostrando ancora una volta che la Baldini è aperta e accogliente nel senso migliore del termine ‘Casa della Cultura’”.

< Articolo precedente Articolo successivo >