Domenica 02 Ottobre07:07:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Omicidio di Rivabella, Amministrazione alla Polizia di Stato: ‘Risposta immediata ad un terribile fatto di sangue’

Attualità Rimini | 16:11 - 26 Maggio 2016 Omicidio di Rivabella, Amministrazione alla Polizia di Stato: ‘Risposta immediata ad un terribile fatto di sangue’

Un plauso da parte dell’Amministrazione comunale riminese arriva alla Squadra Mobile di Rimini e a Questore Maurizio Improta per come hanno proceduto tempestivamente agli arresti dei responsabili del tremendo omicidio avvenuto mercoledì in tarda serata a Rivabella.
 
Anche in questa occasione gli agenti hanno dimostrato “la preparazione e l’efficienza con cui le donne e gli uomini della Polizia di Stato, e per estensione di tutte le forze dell’ordine di stanza sul territorio riminese, svolgono quotidianamente il loro difficile lavoro”.
 
Così si legge in una nota da Palazzo Garampi che ribadisce la pronta risposta ad un tragico fatto di sangue avvenuto con modalità cruente e in un centro abitato.
 
“Gli agenti della Mobile non solo hanno dato un nome e un volto ai possibili colpevoli, arrestati a Milano in collaborazione con la Questura lombarda, ma in poche ore hanno messo in luce i contorni di una vicenda familiare alla base del delitto, dalle prime ricostruzioni terribile. Sembra infatti che la vittima fosse un cittadino albanese perfettamente integrato nella comunità riminese; un artigiano molto stimato con una famiglia bella e numerosa, ‘colpevole’ di avere aiutato nelle scorse settimane una giovane parente in difficoltà e dunque punito dal marito di lei e da due complici, partiti dalla Lombardia per questo raid mortale. Una vicenda agghiacciante di faida famigliare, di un distorto ‘codice d’onore’, che pare uscita dalla barbarie e che invece si è svolta drammaticamente tutta in poche ore sull’asse Milano-Rimini. Si esprime il più sincero ringraziamento al Questore, alla Squadra Mobile, ala Polizia di Stato, agli investigatori, alle forze dell’ordine riminesi”.

< Articolo precedente Articolo successivo >