Luned 16 Settembre09:43:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cattivi odori in zona depuratore a Riccione, un 'naso elettronico' per scoprire la fonte

Ambiente Riccione | 15:25 - 16 Maggio 2016 Cattivi odori in zona depuratore a Riccione, un 'naso elettronico' per scoprire la fonte

Un naso elettronico per valutare gli odori nella zona del depuratore. Con un monitoraggio olfattometrico partito lunedì 16, il Comune di Riccione interviene per la prima volta con metodi scientifici per analizzare le fonti di emissione e la tipologia dei cattivi odori che si manifestano in questa zona della città specie nelle ore serali e notturne. 

“ Abbiano deciso di intervenire una volta per tutte – afferma l’assessore all’Ambiente Susanna Vicarelli – per fare chiarezza su un problema che da anni affligge la popolazione residente con un analisi completa condotta  con strumenti scientifici. Allo stesso tempo metteremo in campo anche delle squadre di volontari che, dopo apposito addestramento e in affiancamento all’analisi condotta dal naso elettronico, avranno il compito di rilevare gli odori in zone fino ad un massimo di 500 metri dall’impianto di depurazione”. 


Tecnicamente il monitoraggio, eseguito in collaborazione con Arpae, della durata di trenta giorni, si snoderà in due percorsi paralleli e preceduti da un’analisi sensoriale,  già avviata e conclusa, volta a memorizzare le caratteristiche delle possibili emissioni di odore sul territorio, fuori e dentro l’impinato, quali le sedimentazioni primarie, biogas, vasche di ossidazione, linee di trattamento dei fanghi, uscita dei biofiltri nelle linee 1 e 2.  Il primo percorso, dopo l’iniziale periodo di addestramento, consisterà quindi nella rilevazione delle emissioni, con il naso elettronico dotato di anemometro e posizionato in via Caselle, determinandone durata e provenienza. 

Il secondo, che avverrà in contemporanea, prevede l’impiego di due squadre di volontari delle Associazioni “Guardie Ecologiche Volontarie” e  “Fare Ambiente”, che due volte al giorno eseguiranno dei monitoraggi, specie nella fascia serale, in cinque zona concentriche: depuratore, viale Alessandria, La Spezia, Casella, ferrovia/via Oriani - Via Pellico/Fucini.  Sarà costante lo scambio di informazioni giorno per giorno tra i volontari e gli operatori di Arpae al fine di tenere sotto controllo la percezione e l’intensità degli odori,così da coadiuvare i rilievi eseguiti dal naso elettronico. 

Il monitoraggio, promosso dall’Amministrazione, rientra nei lavori in corso alla vasca di laminazione, a seguito dei quali, una volta individuati le fonti certe di emissione dei cattivi odori si è impegnata a provvedere a porvi rimedio anche con interventi strutturali.