Sabato 21 Settembre03:56:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Isal Rimini, "adotta un ricercatore", raccolta fondi per ricercatrice tramite Eticarim

Sanità Rimini | 12:23 - 19 Gennaio 2016 Isal Rimini, "adotta un ricercatore", raccolta fondi per ricercatrice tramite Eticarim

La Fondazione ISAL (Istituto di Ricerca e Formazione in Scienza Algologiche) è impegnata da anni nella ricerca per la Prevenzione e la Cura del Dolore Cronico con uno studio per individuare come esso si sviluppa e quali sono i fattori di rischio; si vogliono trovare dei marcatori biologici (tramite esami sul sangue) che facciano identificare chi sono le persone che sviluppano dolore cronico per evitare che ciò accada e per potenziare le capacità di personalizzare e migliorare la cura delle persone con dolore.


Di questa ricerca si occupa da tempo una giovane ricercatrice ISAL, la biotecnologa Valentina Malafoglia. Dopo tre anni trascorsi nel prestigioso Sbarro Institute di Philadelphia in veste di ricercatrice Isal, Valentina è tornata in Italia dove continua a svolgere la sua importante ricerca nei laboratori ISAL situati a Roma presso la IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) San Raffaele Pisana e l'Università Roma 3.
 
Oggi la Fondazione ISAL chiede un aiuto per sostenere il suo progetto, lanciando una raccolta fondi di 25.000 euro, somma minima necessaria per garantire un anno di prolungamento della ricerca di Valentina e provvedere all'acquisto di costosi materiali di laboratorio necessari per svolgerla. La raccolta fondi sarà online su eticarim.it per 4 mesi al link

 In questo modo si potrà aiutare concretamente ISAL e in particolare dare una speranza a ogni persona di evitare una vita nel dolore, sostenere lo sviluppo di una cura e tendere una mano a chi soffre.

Ogni giorno più di 200 milioni di persone nel mondo occidentale soffrono a causa del dolore cronico.

In Italia è colpito il 26% della popolazione, circa 13 milioni di persone.

Emicrania, endometriosi, vulvodinia, fibromialgia, esiti da trauma, herpes zoster, ictus sono solo alcuni nomi delle malattie che causano un dolore quotidiano persistente. Il dolore cronico è un vero e proprio dramma sociale, un’epidemia di sofferenza che devasta di giorno in giorno la vita dei malati.