Sabato 31 Luglio23:58:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Anche Verucchio avrà il suo primo Ci.Vi.Vo. a disposizione aule studio

Attualità Verucchio | 11:50 - 07 Gennaio 2016 Anche Verucchio avrà il suo primo Ci.Vi.Vo. a disposizione aule studio

Taglio del nastro anche a Verucchio per il progetto Ci.Vi.Vo.
Protagonisti i giovani studenti del territorio che formeranno il primo gruppo di cittadinanza attiva nel Comune di Verucchio.
Si incontrano così le volontà dell’Amministrazione comunale e le esigenze dei giovani che si sono resi disponibili a collaborare nella realizzazione di un nuovo servizio. Il progetto permette di usufruire di un’aula studio allestita al primo piano del Centro Civico di Villa Verucchio, accessibile anche negli orari di chiusura della Biblioteca comunale “Don Milani”.
La partecipazione è libera a tutti coloro che abbiano l’esigenza di studiare; i giovani volontari pubblicheranno mensilmente i giorni e gli orari di apertura comunicandoli su facebook alla pagina “Aule studio Verucchio” per garantire la massima affluenza possibile.

“Un progetto dei giovani per i giovani – commenta in una nota l’Amministrazione comunale – per favorire l’aggregazione, l’inclusione e dare risposta ad un bisogno reale. Quando poi da una necessità nasce una spinta verso il protagonismo giovanile ed il volontariato, siamo sempre più convinti che la direzione sia quella giusta”.

Diversi i progetti messi in campo negli ultimi mesi per i giovani, primo fra tutti l’istituzione di una Consulta dove i ragazzi saranno i veri protagonisti. Nei primi mesi dell’anno l’Assessorato alle Politiche giovanili convocherà la prima seduta per eleggere le diverse figure previste dal regolamento.
“Una palestra di cittadinanza attiva, coinvolgimento e protagonismo dove i giovani stessi presenteranno all’Amministrazione comunale le proposte e le idee per fare di Verucchio un paese giovane e giovanile. Stiamo lavorando all’individuazione di luoghi dove i giovani possano sentirsi a casa - aggiunge l’Assessore Eleonora Urbinati – e per permettere loro di costruire dei canali di dialogo preferenziali con i diversi assessorati”.

< Articolo precedente Articolo successivo >