Venerdý 06 Agosto02:43:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Inquinamento Rimini, 10 giorni oltre i valori limite. Da inizio anno superati per 49 volte

Attualità Rimini | 16:55 - 27 Dicembre 2015 Inquinamento Rimini, 10 giorni oltre i valori limite. Da inizio anno superati per 49 volte

Andando avanti di questo passo il record è dietro l'angolo. Parliamo purtroppo di un primato negativo, quello degli sforamenti della concentrazione di polveri sottili nell'aria. I superamenti sono 9 su 10 giorni, dal 13 al 23 dicembre con un picco di 123 microgrammi per metro cubo il 16 dicembre, oltre il doppio del tetto tollerato che è di 50, il più alto in regione secondo le rivelazioni della centralina Arpat. Dall'inizio dell'anno i valori sopra i limiti sono 59 nella centralina di via Flaminia e 45 per quella del Marecchia, un dato importante e preoccupante. E le condizioni meteo di questi giorni, alta pressione assenza di pioggia e scarsa ventilazione, che impediscono all'aria di rupilirsi, sono un terreno fertile per le polveri sottili. Le cause principali non sono solo le auto e il traffico ma anche i caminetti che in questo periodo sono accesi.

Ecco le 10 cose da fare durante le emergenze inquinamento, segnalate sul sito dell'Istituto superiore di sanità dal direttore del Dipartimento Ambiente, Loredana Musmeci. Per quanto riguarda i mezzi di locomozione, innanzitutto, il decalogo ricorda di usare i mezzi pubblici ed evitare l'auto. Se si deve usare l'auto, non viaggiare da soli. E se proprio non si hanno alternative all'auto, rallentare di almeno 10 km/h rispetto ai limiti di velocità. Non parcheggiare in doppia fila: creare un ingorgo aumenta anche l'esposizione all'inquinamento. Per quanto riguarda il riscaldamento, controllare che sia spento prima di andarsene dall'ufficio; chiudere quello di casa se si va in vacanza; abbassare il riscaldamento di 1-2 gradi e mettere un maglione in più; limitare l'uso della legna per il riscaldamento. Riguardano, infine, le attività all'aperto gli ultimi due consigli del decalogo per ridurre l'esposizione all'inquinamento: limitare le attività ricreative, sportive e di gioco all'aria aperta; e tenere al riparo bambini, anziani e chi è affetto da patologie respiratorie e cardiovascolari nelle ore di maggior traffico.

< Articolo precedente Articolo successivo >