Domenica 11 Aprile14:19:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sigismondo d’Oro 2015: venerdì 18 dicembre la cerimonia di consegna

Attualità Rimini | 14:23 - 17 Dicembre 2015 Sigismondo d’Oro 2015: venerdì 18 dicembre la cerimonia di consegna

Si svolgerà nella Sala Ressi del Foyer restaurato del Teatro Galli nel pomeriggio di venerdì 18 dicembre, con inizio alle ore 18 la cerimonia di consegna del Sigismondo d’Oro 2015 nel corso del “Saluto di Fine anno”.

Un momento di riflessione e di festa attorno a Maurizio Focchi e all’associazione ‘Rompi il Silenzio’ che saranno insigniti, durante la cerimonia aperta a tutta la città, della massima onorificenza cittadina che viene attribuita ogni anno a coloro che attraverso la propria attività celebrano il nome di Rimini.

L’innovazione come ‘matrice’ di un’azienda centenaria e l’altruismo come collante di un gruppo di persone che da dieci anni realizza ogni giorno capolavori silenziosi di umanità – ha detto il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi annunciando la scelta della Giunta - trovano un terreno comune di dialogo, oltre che nella passione, nella precisione con cui l’attività viene portata avanti ogni giorno. Esattezza intesa come atto di assoluto rispetto e amore nei confronti della ‘cosa’ che si ha di fronte.

Maurizio Focchi rappresenta l’eccellenza delle imprese riminesi, con radici che affondano saldamente nel territorio ma con l’ambizione e poi la forza di imporre il proprio lavoro in ambito internazionale attraverso gli strumenti della ricerca e dell’innovazione; senza, poi, mai dimenticare il ruolo sociale dell’impresa. ‘Rompi il Silenzio’ ha costruito in dieci anni di attività un’esperienza unica di volontariato e di competenza, legata al problema della condizione femminile nell’Italia contemporanea e capace davvero di coinvolgere trasversalmente tutte le sensibilità del territorio. Più che le parole, straordinaria è l’opera quotidiana di ascolto e concretezza dell’associazione per offrire con generosità aiuto e sostegno alle donne alle prese con esperienze traumatiche di violenza e di prevaricazione.”

< Articolo precedente Articolo successivo >