Martedý 13 Aprile01:50:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Polisportiva Garden lascia la gestione di Bellaria MAF: ‘dal Comune inqualificabili mancanze’

Sport Bellaria Igea Marina | 11:03 - 12 Dicembre 2015 Polisportiva Garden lascia la gestione di Bellaria MAF: ‘dal Comune inqualificabili mancanze’

La Polisportiva Garden lascia la gestione del centro sportivo Bellaria MAF e chiede il risarcimento dei danni subiti dalla società convenzionata. Le cause sono legate “al protrarsi della situazione di empasse urbanistico più volte segnalato” si legge in una nota della Polisportiva. All’impegno economico e non profuso, il Comune avrebbe risposto con “inqualificabili mancanze”, in seguito alle quali, tramite il legale Elio Piersanti, si è arrivati alla decisione di “rinunciare al mandato per l'impossibilità di proseguire negli investimenti e portare avanti il progetto previsto di riqualificazione dell’intero comparto sportivo/ricreativo”.

La Polisportiva Garden ha investito più di 300mila euro solo per sistemare tutte le pregresse inadempienze e ha avviato la progettazione di un impianto completamente rinnovato (il progetto di ristrutturazione ha un valore superiore ai 400.000 €) “lo stesso, corredato da un esauriente capitolato, è allegato al contratto di convenzione, atto pubblico che chiunque può visionare”.

Secondo la società la situazione del Maf “non era tale da poter costruire legittimamente nulla”.

E il Comune non si sarebbe impegnato per risolvere la situazione anzi avrebbe scaricato sulla società gestrice “colpe inesistenti,  suggerendo metodiche prive di concreta fattività, prospettando soluzioni del tutto inidonee”.

Molti sono stati gli incontri e molte le soluzioni suggerite ai tecnici della Polisportiva, che prevedevano tuttavia trafile burocratiche e passaggi amministrativi poco fattibili.

La società “credeva fermamente all’iniziativa che non solo poteva essere remunerativa ma andava a valorizzare un contesto sportivo promettente e ricettivo.  Ci ha creduto e investito, e dopo essere stata additata per inefficienze ed approssimazioni in capo esclusivamente all’amministrazione Comunale, che ha dimostrato una insensibilità a tratti arrogante, ha chiuso in questo modo definitivamente il rapporto.

Perché mai una Polisportiva senza scopo di lucro come il Garden che da trent'anni gestisce grandi impianti con successo, avrebbe dovuto investire 300.000€ invano?

I cittadini di Bellaria – conclude la nota - hanno diritto alla trasparenza e a godere di un nuovo e sicuro impianto sportivo. La Polisportiva Garden si scusa con essi, non ce l'ha fatta.

La Polisportiva Garden utilizzerà tutti i mezzi legali per ottenere giustizia e con essa rimediare al discredito gratuito e al totale risarcimento del danno economico subito”. 

< Articolo precedente Articolo successivo >