Luned 17 Giugno09:19:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Anche a Rimini tante iniziative per "Nati per leggere", appuntamenti e convegni

Cultura Rimini | 11:08 - 18 Novembre 2015 Anche a Rimini tante iniziative per "Nati per leggere", appuntamenti e convegni

Il 20 novembre si celebra, in tutto il mondo, la Giornata dei Diritti dei Bambini. E non è un caso che la settimana di eventi “Piccoli Lettori Crescono”, realizzata dal Tavolo Provinciale “Nati per Leggere” sia stata organizzata proprio dal 14 al 22 di novembre. Le iniziative più direttamente legate ai fanciulli  si svolgono in varie biblioteche di tutto il territorio provinciale e ai Centri per le Famiglie di Rimini e Cattolica. Mentre sabato prossimo, 21 novembre, presso il Museo della Città (via Tonini, 1 - Rimini) si svolgerà un importante convegno
nel quale i partner del Tavolo “Nati per Leggere” “restituiranno” alla cittadinanza i risultati di vari anni di lavoro che hanno portato il Riminese ad essere il terzo in Italia (dopo Modena e Verona) a dotarsi di un progetto specifico, e di questa portata, sulla sensibilizzazione alla lettura dei bimbi, uno dei principali viatici al loro sviluppo sano e corretto.

Passo indietro. Il 2 aprile 2014 è stato firmato, tra Provincia, rete delle Biblioteche provinciali, Centro per le Famiglie di Rimini, Azienda USL (Servizio Pediatria di Comunità diretto dal dottor Maurizio Bigi) il protocollo d’intesa che istituiva il Tavolo, con tre obiettivi principali: coinvolgere tutte le figure professionali legate all’infanzia nella promozione della lettura; svolgere attività di promozione presso le famiglie dei nuovi nati; creare eventi di sensibilizzazione in questo senso. Obiettivi sposati anche
dalla Regione Emilia Romagna con apposita delibera, nell’ottica di dare ai piccini sempre maggiori e più adeguati strumenti di crescita personale, promuovendo occasioni di sviluppo educativo e cognitivo.

Di qui tutta una serie di iniziative, lungo gli anni, tra cui letture nei reparti pediatrici dell’Ospedale di Rimini, presso gli studi dei pediatri di famiglia, nelle biblioteche e nei centri per le famiglie, operazioni di informazione e sensibilizzazione, sia mirate sia alla cittadinanza in generale. E anche le iniziative della “Settimana” stanno andando in questa direzione: la promozione della lettura per bambini e famiglie, ogni giorno un evento in cui si ascoltano storie, si partecipa a maratone di lettura, ci si confronta con esperti sul tema della lettura fin dai primi mesi.
A coronamento di tutto ciò sabato 21 convegno finale per genitori, lettori volontari, insegnanti, educatori, personale sanitario e per tutti gli interessati ad approfondire il tema delle evidenze scientifiche e i benefici della lettura dialogica e a “bassa voce” fin da piccolissimi (l’accesso è libero e la cittadinanza invitata).

Il via ai lavori, nella Sala del Giudizio, è previsto per le 9:30: saluti istituzionali da parte del vicesindaco di Rimini Gloria Lisi poi le relazioni, moderate dal dottor Maurizio Bigi (direttore dell’Unità Operativa “Tutela Salute Famiglia, Donna ed Età Evolutiva” dell’A.USL: Angela Bianchi (Ausl Romagna) per spiegare il razionale e le azioni del progetto “Nati per Leggere”;
Anna Faetani (Consultori di Cesena) sui benefici della lettura dal punto di vista cognitivo e relazionale;
Chiara Barbieri (Pedagogista) su “La voce dell’educazione nel progetto ‘Nati per Leggere’”;
Gina Ancora (Direttore dell’Unità Operativa di Tin e Pediatria dell’Ospedale di Rimini) e Stefano Gorini (pediatra di famglia) sulle esperienze di lettura in ospedale e ambulatori;
Nives Benati (referente delle biblioteche all’interno del progetto) su “’Nati per Leggere’: una guida per genitori e futuri lettori”.
Conclusione dei lavori prevista per le ore 12

Sempre sabato 21, ma al pomeriggio a partire dalle 16, quale conclusione ideale della Settimana, presso il Centro per le Famiglie di Rimini (piazzetta dei Servi, 1), “Diritti alle Storie! Letture ‘a bassa voce’”: staffetta di storie e filastrocche per bambini e genitori in compagnia dei lettori volontari del progetto “Nati per Leggere”.