Venerd́ 28 Febbraio13:56:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Quasi 3 milioni di euro per l’edilizia scolastica: gli interventi sul territorio riminese

Scuola Rimini | 11:20 - 29 Luglio 2015 Quasi 3 milioni di euro per l’edilizia scolastica: gli interventi sul territorio riminese

Quasi tre milioni di euro per le scuole di Rimini e provincia. E’ stata pubblicata la lista completa degli interventi di edilizia scolastica finanziati con i mutui della Banca europea degli investimenti, anticipando l'uscita in Gazzetta Ufficiale dell’elenco approvato con il decreto interministeriale Istruzione-Economia-Infrastrutture che il ministro Stefania Giannini ha già siglato e trasmesso al ministero dell'Economia per la firma di Pier Carlo Padoan, il quale poi lo girerà al collega Delrio alle Infrastrutture. Lo riferisce il deputato PD riminese Tiziano Arlotti, che ricorda come il provvedimento sia un altro passo avanti per l'attuazione del complesso meccanismo previsto da “La Buona scuola” che finanzia le nuove scuole con i 905 milioni della Bei. Viene sbloccato il provvedimento che consente alle Regioni di stipulare i contratti di mutuo  e viene dato il via libera ufficiale alla lista di progetti finanziati a valere sull'annualità 2015 dei piani triennali 2015-2017 che le regioni hanno già trasmesso al Miur entro aprile scorso. 

A Rimini e provincia sono una ventina gli interventi di edilizia scolastica finanziati, per un totale di oltre 2 milioni e 800mila euro. Si tratta di lavori che riguardano l’istituto “Savioli” di Riccione, il “Rino Molari” e la “Pascucci” di Santarcangelo, l’Isiss “Guerra” di Novafeltria, la scuola “Rosaspina” di Montescudo, la scuola di Maiolo, la primaria di Montefiore, l’asilo “Peter Pan” di Poggio Torriana, la “Flavia Casadei” e la “Di Duccio” di Rimini, l’asilo “Grillo Parlante” di San Giovanni in Marignano, la “Panzini” di Bellaria, la “Favini” e “Gabellini” di Coriano e la media di Ospedaletto, l’asilo “Semprini” di Saludecio, la “Padre Agostino da Montefeltro” di Sant’Agata Feltria, l’asilo “Tana dei grilli” di Talamello, la “Filippini” di Cattolica e la “Fratelli Cervi” di Mondaino.

Gli oneri di ammortamento saranno a carico dello Stato e, grazie a nuove modalità di erogazione, i beneficiari potranno utilizzare le risorse senza impatti sul proprio patto di stabilità interno. Complessivamente  1.215 progetti sono risultati finanziabili in Italia, per un totale di 739,3 milioni di euro su 905 potenzialmente attivabili. L'utilizzo degli altri 165,7 milioni slitta al 2016. La Bei renderà disponibile l'intera quota in due maxi tranche, di cui la prima - di 450 milioni - è già stata sbloccata a favore di Cassa depositi e prestiti, snodo operativo per i Comuni e le Province. La lista finale dei progetti finanziati non esaurisce il plafond messo a disposizione dalla Bei e le risorse non utilizzate slitteranno al 2016.