Domenica 07 Marzo09:44:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Le sperimentazioni e le sonorità innovative dei The Kooks al Verucchio Music Festival

Spettacoli Verucchio | 11:58 - 20 Luglio 2015 Le sperimentazioni e le sonorità innovative dei The Kooks al Verucchio Music Festival

Mercoledì 22 luglio (ore 21.30, Sagrato della Chiesa Collegiata) la XXXI edizione del Verucchio Music Festival, per l’undicesimo anno consecutivo con la direzione artistica di Ludovico Einaudi, presenta il concerto di The Kooks, band britannica formatasi a Brighton nel 2005 il cui nome deriva da una canzone di David Bowie contenuta nell’album “Hunky Dory”. Il quartetto britannico The Kooks (Luke Pritchard, voce e chitarra/ Hugh Harris, chitarra / Peter Denton, basso / Alexi Nunez, batteria) arriva al Verucchio Festival, tappa fra le 3 date esclusive in Italia, per presentare i brani tratti dal loro ultimo album Listen, un disco completamente diverso dagli altri, pieno di sperimentazioni e sonorità innovative. Al posto di Tony Hoffer, produttore degli album precedenti, c'è Fraser T Smith, artista hip hop, noto per aver collaborato con artisti come Adele, per il brano Set Fire to the Rain. Insomma, nuova vita per la band, nuove sonorità e soprattutto nuovi stimoli.


«Per me – spiega Luke – questo disco è pura espressione. Anche il modo in cui lo abbiamo prodotto è qualcosa di fresco, nuovo. Diversamente dai dischi precedenti in cui semplicemente ci chiudevamo insieme in studio suonando la chitarra e cantandoci sopra, per questo nuovo lavoro abbiamo davvero ascoltato e studiato il mondo attorno a noi, abbiamo cercato di attingere da quello che ci circondava per riuscire fare in modo che tutto sembrasse più naturale».

< Articolo precedente Articolo successivo >