Venerdý 13 Dicembre17:02:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Balla nudo e orina in pubblico, il Festival risponde: 'corpo che si fa fontana non provoca'

Cultura Santarcangelo di Romagna | 19:29 - 19 Luglio 2015 Balla nudo e orina in pubblico, il Festival risponde: 'corpo che si fa fontana non provoca'

"Un corpo, un danzatore, che si fa fontana, facendo sgorgare uno spruzzo di pipì, nella posa del Manneken Pis di Bruxelles. Si tratta non già di una facile provocazione, che sarebbe peraltro puerile e poco efficace, ma di una dichiarazione rispetto al rapporto tra danza e storia, tra dimensione dell'arte e dimensione della vita individuale e politica". Silvia Bottiroli, direttrice artistica del Santarcangelo festival, spiega così "l'immagine che ha fatto discutere in queste ore dopo essere stata vista da spettatori in diverse città europee e in alcuni dei maggiori festival di danza". Una scena - aggiunge - che è una citazione da uno spettacolo del coreografo francese Jerome Bel, fondatore del movimento della cosiddetta 'non danza', e che parte da 'Fontaine' di Marcel Duchamp "e la attraversa abbandonando l'oggetto per lasciare alla scena l'atto". Lo spettacolo presentato ieri e oggi a Santarcangelo - '(unitled) (2000)', ultimo lavoro coreografico firmato da Tino Sehgal prima della sua conversione alle arti visive - a 15 anni dal debutto è ora affidato al coreografo francese Boris Charmatz e portato in tournèe dal suo Musée de la Danse, e danzato dallo stesso Charmatz e da Frank Willens, formatosi con William Forsythe. I 50 minuti dello spettacolo (sovvenzionato tra l'altro dal ministero della Cultura francese e realizzato per il festival romagnolo grazie al sostegno dell'Institut Français Italia) "ripercorrono cent'anni di storia della danza", sottolinea Silvia Bottiroli. "Fa riflettere - commenta la direttrice artistica - che a suscitare un dibattito politico e a creare scandalo sia il gesto ordinario di una pipì, incorniciato in un gioco di citazioni artistiche che rimanda a Duchamp e firmato da uno dei maggiori artisti contemporanei del mondo. Forse davvero 'guardare non è più un atto innocente'".

I vostri Commenti

Federico Rugi - 20 luglio 2015 - 12:01 - Leggi Tutto

La direttrice del festival confonde la politica con il rispetto degli abitanti del paese che ospita la manifestazione.
La performance si è tenuta in strada, pubblicamente, anche di fronte a persone e famiglie che passavano di li come normalmente fanno il sabato pomeriggio. Questo tipo di performance la si fa in...

Federico Rugi - 20 luglio 2015 - 12:01 - Leggi Tutto

La direttrice del festival confonde la politica con il rispetto degli abitanti del paese che ospita la manifestazione.
La performance si è tenuta in strada, pubblicamente, anche di fronte a persone e famiglie che passavano di li come normalmente fanno il sabato pomeriggio. Questo tipo di performance la si fa in...

Federico Rugi - 20 luglio 2015 - 12:00 - Leggi Tutto

La direttrice del festival confonde la politica con il rispetto degli abitanti del paese che ospita la manifestazione.
La performance si è tenuta in strada, pubblicamente, anche di fronte a persone e famiglie che passavano di li come normalmente fanno il sabato pomeriggio. Questo tipo di performance lo si fa in...

Accedi con la tua mail


Primo Commento? Registrati ora!
Accedi con account Social
L'accesso sottintende l'iscrizione alla newsletter. Oppure