Mercoledý 03 Marzo22:19:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dopo 30 mesi riaprono al pubblico le Grotte di Onferno, anche nell'ultimo tratto

Attualità Onferno | 10:26 - 15 Luglio 2015 Dopo 30 mesi riaprono al pubblico le Grotte di Onferno, anche nell'ultimo tratto

Sabato 18 luglio riaprono le Grotte di Onferno, nel Comune di Gemmano dopo 30 mesi di interventi di ripristino e messa in sicurezza. La grotta di Onferno è patrimonio del sistema turistico della provincia di Rimini e contribuisce ad arricchirne e a diversificarne l’offerta.

Questo il programma di sabato 18 luglio giorno di riapertura:
Ore 15.00 apertura Centro Visite Onferno, con possibilità di visite al Museo Naturalistico e al Giardino Naturale. Angolo gioco di ispirazione Montessoriana per esperienze sensoriali  allestito con materiali naturali.
Ore 15.30 Prima visita in grotta.
Ore 16,15 Raccontafavole sotto la grande quercia.
Ore 17,00 Brindisi e merenda inaugurale per tutti, con la presenza del Sindaco Riziero Santi e dell’Assessore Regionale Emma Petitti
Ore 17.30 Seconda visita in grotta.
Ore 18,15 Raccontafavole sotto la grande quercia.
Biglietto ingresso in grotta: 9€ intero 7€ ridotto. Posti per ogni ingresso in grotta limitati. Prenotazione obbligatoria telefonando al numero 3357020834.
L’Amministrazione ha pensato anche ad una iniziativa dedicata ai residenti a Gemmano in modo che prima di tutto la comunità dei gemmanesi possa apprezzare il valore e la bellezza dei luoghi: nei giorni successivi alla riapertura ogni residente di Gemmano potrà usufruire di un ingresso omaggio in grotta prenotando al numero 3357020834.

La nota del Sindaco Riziero Santi:
Quando, nel maggio 2013, ci siamo insediati le grotte di Onferno erano chiuse dal gennaio precedente per frana interna e ci si trovava in una situazione di stallo. Il primo viaggio a Bologna in Regione da Sindaco l’ho fatto il 3 giugno 2013 proprio per chiedere la collaborazione della Regione nella riapertura delle Grotte. L’attenzione c’è stata, sia dalla Regione con l’Assessore Paola Gazzolo, che dall’Ente Macroarea, con l’allora Presidente Luciana Garbuglia, cosicchè appena un mese dopo, il 2 luglio 2013, in comune a Gemmano è arrivata la notizia del riconoscimento del finanziamento necessario per il ripristino interno alla grotta. La progettazione e la realizzazione dei lavori è stata affidata all’Servizio Tecnico di Bacino ed anche qui, sia dall’Ing. Mauro Vannoni che dai suoi collaboratori, abbiamo avuto l’attenzione e la collaborazione necessaria, e la Giunta comunale di Gemmano nel febbraio 2014 ha potuto approvare il progetto del lavori che si sono svolti poi fra il 4 marzo e il 30 aprile 2014. I lavori di ripristino tuttavia non sono stati sufficienti per potere riaprire in quanto il team di tecnici responsabili di certificare la riapertura ha preteso l’installazione di un sistema di monitoraggio per il rilevamento dei movimenti in grotta. E ciò per garantire il massimo livello di sicurezza per gli escursionisti. E’ ricominciata così l’attività per il reperimento di ulteriori risorse per l’impianto di monitoraggio che sono state reperite nella primavera 2014 da una Provincia che, pur alla fine del suo mandato, ha saputo onorare l’impegno con Gemmano e con le Grotte. In autunno 2014 sono così stati affidati i lavori che sono terminati nel mese di aprile 2015. Giusto in tempo per aprire per la stagione estiva 2014….si pensava! I forti nubifragi del 6 febbraio 2015, proprio mentre erano in corso i lavori per il monitoraggio, hanno improvvisamente provocato una frana che ha travolto l’ultimo tratto del sentiero esterno che conduce alla grotta. Sarebbe stato sufficiente per scoraggiarsi, ma non ci siamo persi d’animo e abbiamo lanciato subito un appello per salvare e riaprire le grotte “perché – abbiamo detto – le grotte stanno a Gemmano come la spiaggia a Rimini, e quindi se si trovano i soldi per il ripascimento bisogna trovare anche i soldi per il sentiero delle grotte”. E’ ripreso il pellegrinaggio e dopo qualche mese, giugno 2015, la Giunta ha deliberato il riconoscimento del finanziamento utile per il ripristino del sentiero. Oggi, dopo il terzo “inciampo” in dirittura d’arrivo, le Grotte di Onferno dal 18 luglio 2015 sono riaperte al pubblico. A questa cronaca di una riapertura annunciata c’è un altro annuncio, che per noi ha il significato di un impegno. La rassicurazione ci viene dagli stessi responsabili della sicurezza in grotta: se il sistema di monitoraggio interno continuerà, anche nei prossimi mesi come nei primi due, a restituire dati positivi della stabilità, già dalla prossima stagione la Grotta potrà essere riaperta anche nel suo ultimo tratto, chiuso da anni, potendola così percorrere per intero.

< Articolo precedente Articolo successivo >