Luned́ 08 Marzo12:50:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mercato ambulante, via libera in consiglio per 16 bancarelle in piazza Tre Martiri

Attualità Rimini | 23:04 - 12 Luglio 2015 Mercato ambulante, via libera in consiglio per 16 bancarelle in piazza Tre Martiri

Il Consiglio Comunale ha approvato domenica sera con 16 voti favorevoli, 1 astenuto e 6 contrari la delibera che individua le nuove aree nel centro storico destinate ad ospitare il mercato ambulante del mercoledì e sabato. 

La ricollocazione del mercato ambulante si inserisce nell'articolata serie di progetti e iniziative che l'Amministrazione comunale ha pianificato e messo in atto per riqualificare e promuovere il centro storico come area d’eccellenza, in grado di fungere da catalizzatore di relazioni, di cultura, di valorizzazione del patrimonio storico e artistico, dei commerci. 

La nuova area mercatale - che è stata ulteriormente definita attraverso un emendamento della Giunta approvato con 16 voti favorevoli, 1 astenuto e 7 contrari - comprende Corso d'augusto fino piazza Tre martiri, via IV novembre, via Dante, via Castlefidardo, i piazzali Gramsci e Santa Rita, l’area ex Padane. L'utilizzo di Piazza Tre Martiri, che resterà a libero uso per otto settimane all'anno, sarà limitato a sedici banchi, che dovranno essere allestiti (materiali e colori della struttura e del tendaggio) in accordo con l'apposito "Abaco degli arredi del centro storico". 

"L'approvazione di questo progetto che ridefinisce e valorizza le aree mercatali al'interno del centro storico rappresenta un momento importante per Rimini - sottolinea il sindaco Andrea Gnassi - e arriva al termine di un confronto articolato con la città che va avanti da tre anni. La ricollocazione del mercato è un pezzo fondamentale di un disegno di città che vede un centro storico riqualificato, maggiormente attrattivo grazie al recupero del patrimonio artistico e culturale (Teatro Galli, Piazza Malatesta, anello delle nuove piazze) e alla creazione di quello che sarà un vero e proprio 'centro commerciale naturale' di pregio". 

< Articolo precedente Articolo successivo >