Venerd́ 05 Marzo21:00:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, venerdì la storia del jazz nelle note del maestro Stefano Bollani

Spettacoli Rimini | 14:13 - 06 Luglio 2015 Rimini, venerdì la storia del jazz nelle note del maestro Stefano Bollani

Dopo il debutto con l’intensa voce di Paola Turci, prosegue il percorso musicale di “Percuotere la mente”, la sezione della Sagra Malatestiana dedicata alla contaminazione tra generi. Da una interprete di classe del cantautorato italiano, ad uno dei più apprezzati musicisti della scena jazz nostrana: protagonista del secondo appuntamento di Percuotere la mente sarà Stefano Bollani, che venerdì 10 luglio (ore 21.15) alla Corte degli Agostiniani presenterà “Piano solo”,  titolo riduttivo per un recital dal piglio enciclopedico che non solo percorre la storia del jazz, ma si spinge oltre, rivelando una personalità unica attraverso il rapido accendersi e appassionarsi e una fulminea quanto impressionante produzione di idee.

Stefano Bollani compie un turbinoso viaggio attraverso i generi secondo logica e necessità espressiva. E’ un puzzle di musica, di simpatia, di estemporaneità che si fondono in continuazione per poi cogliere e plasmare i suoni in un continuo dialogo fra improvvisazione e canzone, pubblico e pianista.

Difficile quindi sapere cosa proporrà in Piano Solo: Bollani non lo saprà finché non appoggerà le dita sui tasti. Di certo Piano Solo è un viaggio nella sua musica interiore, nelle sue emozioni, passando dal Brasile alla canzone degli anni'40 fino ad arrivare ai bis a richiesta in cui mescola dieci brani come se fosse dj. Un viaggio incredibile, dove Bollani sembra prendere per mano ogni spettatore per portarlo accanto a sé, nella sua musica piena di sentimento e di divertimento. Destrutturando e ricostruendo ogni volta in modo diverso i brani che spesso ritroviamo nei suoi dischi. Un Bollani a 360 gradi, formidabile nell’intrecciare le complesse linee del basso. suonate con rara agilità, con le brillanti soluzioni melodiche della mano destra, come pure a trasmettere attraverso piccoli grappoli di note umori e atmosfere densissimi.              

< Articolo precedente Articolo successivo >