Marted́ 26 Maggio05:31:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pratiche occulte: 'Ti tolgo io il malocchio', Maga riminese finisce in tribunale

Cronaca Rimini | 16:09 - 16 Giugno 2015 Pratiche occulte: 'Ti tolgo io il malocchio', Maga riminese finisce in tribunale

Ancora una persona dedita a pratiche esoteriche nei guai a Rimini. Si tratta di una 40enne, alla sbarra con l'accusa di truffa vessatoria. Martedì 16 giugno si è tenuta una nuova udienza del maxi processo nei confronti della donna, con l'audizione di altri clienti della maga. La vicenda in particolare ruota attorno ad un'anziana di Rimini: da lei partirono le indagini. La figlia si accorse infatti degli ingenti ammanchi sul conto corrente della madre e li ricondusse immediatamente alla frequentazione dello studio della maga, iniziata nel 2004. Dopo la denuncia, partirono gli accertamenti della Guardia di Finanza, in particolare attraverso le intercettazioni telefoniche. La maga, secondo l’accusa, chiedeva denaro per specifiche pratiche esoteriche. L'anziana in particolare si era lamentata al telefono di un presunto malocchio fattole dal nipote: la 40enne aveva colto la palla al balzo, offrendole un rituale complesso, ma più caro, che sostanzialmente prevedeva il disseppellimento di una radice da un podere. Nel 2006 fu emessa ordinanza di custodia cautelare nei confronti della maga, poi agli arresti domiciliari. L'iniziale accusa di estorsione cadde e rimase solo quella per truffa vessatoria. La posizione della maga si alleggerì con il passare degli anni, con la relativa scarcerazione, dopo l’audizione in processo dei suoi clienti. La stessa anziana ha sempre negato di avere mai avuto problemi con la 40enne e ha elogiato le sue pratiche, sottolineando i benefici tratti da esse. I clienti hanno tutti detto di non aver mai ricevuto richieste di denaro, ma di aver versato loro, spontaneamente, delle somme a titolo di donazione per ringraziare la maga dei suoi servigi. Il processo è stato aggiornato al 1 dicembre 2015, data in cui verrà sentita l'imputata, difesa dall'avvocato Piero Venturi.