Domenica 08 Dicembre00:52:29
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, il parco artistico di Mutonia si arricchisce: 22 artisti all'opera

Cultura Santarcangelo di Romagna | 13:49 - 13 Giugno 2015 Santarcangelo, il parco artistico di Mutonia si arricchisce: 22 artisti all'opera

Ventidue artisti, 800 metri quadrati di murales e installazioni, 1.500 ore complessive di lavoro: questi in breve i numeri che descrivono il progetto creativo “Vertigo Truth” che verrà presentato domenica 5 luglio a Santarcangelo, a partire dalle 18,30, con una “Anteprima per la Città”. Dopo la firma della convenzione tra l’Amministrazione comunale di Santarcangelo e la comunità Mutoid per l’avvio del parco artistico Mutonia, arriva ora il primo progetto artistico che, coinvolgendo alcuni tra i più importanti artisti di arte contemporanea presenti sulla scena internazionale, farà di Mutonia un “luogo del contemporaneo”, così come indicato dall’accordo raggiunto tra Comune e Mutoid. Il progetto, inserito nel cartellone del Festival Internazionale del Teatro in Piazza, rispecchia infatti gli indirizzi contenuti nella convenzione, dal momento che il campo aprirà ulteriormente le porte a turisti e santarcangiolesi, trasformandosi ancor di più in uno spazio di interesse collettivo e recependo di fatto i pareri espressi dalle Soprintendenze di Bologna e Ravenna, che già in passato avevano sottolineato la necessità di tutelare l’area dell’ex cava dal punto di vista ambientale, paesaggistico e dell’arte contemporanea nella forma delle opere realizzate dalla comunità.

La mostra/installazione resterà quindi a Mutonia per tutta l’estate e, nel corso del Festival del Teatro, i visitatori potranno vedere gli artisti all’opera seguendo le evoluzioni delle loro creazioni; a chiusura del Festival, resterà una mostra permanente di arte contemporanea comunque visitabile da parte di chiunque. 


VertigoTruth è un’installazione di artisti indipendenti internazionali e locali che verranno ospitati a Mutonia, innescando di fatto nuove azioni di scambio artistico e culturale, muovendo idee, persone e visioni. Linguaggio, ricerca e tecniche differenti prendono forma: bandiere, stendardi, arazzi “marcano” il territorio; assemblage e “teatrini” visionari si istallano dentro grandi e piccoli spazi (officine, roulotte, spazi di uso quotidiano, e architetture industriali); giganti wallpainting e collage su muri, lamiere e torri; totem artistici si innalzano a proteggere chi abita qui e nel mondo. Si tratta quindi di un progetto no-profit di pace, condivisione e amicizia tra le persone, dal momento che il linguaggio dell’arte diventa uno strumento di comunicazione e condivisione. 

Gli artisti invitati lavorano in contesti molto differenti tra loro, tra Stati Uniti, Sud America, Australia, Europa e Asia: dalle Favelas alle Expo di arte contemporanea, dai Festival di Street Art e Urban Art alle gallerie e ai musei di grande fama, senza però aver mai abbandonato il lavoro artistico nei luoghi non deputati all’arte, quali “siti archeologici” industriali, squat, paesaggi naturali, porti e stazioni, scuole, grattacieli. Uno degli obiettivi del progetto – curato da Allegra Corbo e Su E Side, in collaborazione con l’associazione Mutonia e Santarcangelo dei Teatri – è quello di dare avvio ad una nuova fase di apertura e slancio verso contaminazioni e collaborazioni con giovani talenti ed artisti affermati, per garantire una continua evoluzione dell’arte e della cultura del luogo.


Intanto, l’assessorato al Turismo sta definendo un progetto che, con la collaborazione della Pro Loco, prevede l’utilizzo di biciclette per lo spostamento nei luoghi di principale interesse turistico. L’iniziativa vede anche il coinvolgimento del Festival del Teatro e, appunto, di Mutonia dal momento che le biciclette che verranno messe a disposizione dei visitatori sono quelle che nella scorsa edizione del Festival furono donate dai santarcangiolesi e poi rimesse a nuovo nel corso di un laboratorio che vide la partecipazione di tecnici, artisti e anche diversi cittadini. Il progetto prevede appunto il posizionamento delle bici davanti ai locali della Pro Loco/IAT dove potranno essere “noleggiate” gratuitamente previa esibizione di un documento di identità valido. In cambio, si riceverà un cosiddetto “QR Code” che, dal proprio dispositivo smartphone, consentirà di ottenere indicazioni precise su come raggiungere i punti di maggior interesse proposti dai diversi itinerari turistici che verranno definiti, nonché informazioni sui monumenti. 


“Nell’ambito di questo progetto a cui stiamo lavorando come assessorato al Turismo – dichiara l’assessore al Turismo Paola Donini – il primo percorso che attiremo sarà proprio quello che prevede come destinazione finale dell’itinerario il raggiungimento del campo artistico Mutonia, ormai parte integrante del patrimonio culturale della nostra città”. “Ovviamente – conclude l’assessore – questa nuova modalità di fruizione della città, che sfrutta le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie, andrà ad affiancarsi e non a sostituire quelle più tradizionali che si avvalgono della carta stampata”.