Martedì 28 Gennaio18:02:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Credito d'impresa, on line le istruzioni per ottenerlo, Arlotti "importante per riqualificazioni alberghiere"

Turismo Rimini | 11:21 - 05 Giugno 2015 Credito d'impresa, on line le istruzioni per ottenerlo, Arlotti "importante per riqualificazioni alberghiere"

Sono online sul sito del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo le istruzioni e le modalità per l’invio telematico delle domande di tax credit per la digitalizzazione delle strutture ricettive, agenzie di viaggio e tour operator. Lo riferisce il deputato PD riminese Tiziano Arlotti, che spiega che il credito di imposta è per l’anno fiscale 2014 in relazione al modello UNICO 2015. L’istanza deve essere presentata in forma telematica dal legale rappresentante dell’impresa, insieme all’attestazione di effettività delle spese sostenute, tramite il Portale dei Procedimenti (https://procedimenti.beniculturali.gov.it) dalle 10 del 22 giugno alle ore 12 del 24 luglio. Successivamente si terrà un “Click day” dalle 10 del 13 luglio alle 12 del 24 luglio.

Possono chiedere il credito di imposta esercizi ricettivi singoli o aggregati con servizi extra-ricettivi o ancillari, agenzie di viaggio e  tour operator per acquisto di hardware, software, servizi web e marketing online. L’importo totale delle spese eleggibili è di € 41.666 per ciascun soggetto ammesso al beneficio, con un credito d’imposta riconosciuto per il 30% del totale delle spese eleggibili sostenute nel triennio 2014, 2015, 2016, fino a un massimo di € 12.500. La graduatoria di assegnazione del credito d'imposta sarà successivamente pubblicata dal Ministero il 25 settembre 2015.

“Si tratta di un primo intervento importante fra quelli previsti dal decreto ‘Cultura e turismo’, che prevede inoltre crediti d’imposta per le riqualificazioni e ristrutturazioni alberghiere – ricorda Arlotti -, stanziando 20 milioni di euro per la prima annualità e 50 milioni per il periodo 2016-2019. E’ un tassello del percorso di innovazione del nostro turismo, nell’ottica di una vera e propria politica industriale per il rilancio e lo sviluppo del comparto”.