Giovedý 21 Gennaio15:31:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Stalking tra omosessuali, vittima giovane riminese: 'stai con me o rivelo a tuo padre che sei gay'

Cronaca Rimini | 17:36 - 05 Maggio 2015 Stalking tra omosessuali, vittima giovane riminese: 'stai con me o rivelo a tuo padre che sei gay'

E' stato uno dei primi casi di stalking tra omosessuali in Italia. Martedì si è tenuta a Rimini una nuova udienza del processo che vede imputato un 42enne modenese, per i reati di atti persecutori e diffamazione via web. Vittima un trentenne riminese, difeso dall'avvocato Massimiliano Orrù. I due uomini si conobbero a Rimini e non è chiaro se abbiano avuto o meno una relazione: la parte lesa ha parlato di incontri per ragioni lavorative, l'imputato ha invece confermato, precisando che il loro rapporto si era interrotto bruscamente. Il 42enne iniziò così a cercare l'ex compagno nel tentativo di convincerlo a tornare con lui. In una di queste occasioni intervennero i Carabinieri. A quel punto i contatti tra i due presunti fidanzati proseguirono via Facebook: il 42enne avrebbe iniziato le minacce: in particolar modo espresse la volontà di riferire le inclinazioni sessuali del 30enne al padre, un uomo all'antica che avrebbe reagito in malo modo alla confessione sull'omosessualità sul figlio. Fu un modo di fare pressione al riminese perché facesse un passo indietro sulla sua decisione di interrompere la relazione. 

Nella prossima udienza, fissata per martedì prossimo, verrà sentito un ispettore della Polizia Postale che ha svolto le verifiche sui profili Facebook con cui, secondo l'accusa, il 42enne avrebbe contattato gli amici del riminese per parlare male di quest'ultimo, ma non solo: attraverso i social avrebbe ricostruito gli spostamenti dell'ex compagno, per poterlo rintracciare e incontrare di persona. L'imputato ha invece fermamente escluso questo addebito.

< Articolo precedente Articolo successivo >