Domenica 17 Gennaio09:32:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riapertura cantieri Trc, sindaco Riccione all'attacco: 'Rimini non cava un ragno dal buco'

Attualità Riccione | 16:26 - 04 Maggio 2015 Riapertura cantieri Trc, sindaco Riccione all'attacco: 'Rimini non cava un ragno dal buco'

Riccione alza i toni, riaprendo il dibattito sul Trc. Dopo una settimana il sindaco Renata Tosi interviene sulla riapertura dei cantieri di via Portovenere. Il via libera ad Agenzia Mobilità è arrivato, dopo la diffida della stessa, in seguito all'emanazione dei permessi dall'ufficio della Polizia Municipale della città. In precedenza il Tar aveva sospeso l'ordinanza dell'Amministrazione Comunale con cui si bloccavano i lavori del cantiere Trc. Il primo cittadino della Perla Verde sposta così il dibattito sul piano politico: i lavori del Trc sono considerati come una ritorsione di Rimini verso Riccione. "La nostra azione di governo è diventata un pericolo agli occhi di qualcuno che non regge il passo", attacca la Tosi, secondo cui a Rimini "le idee latitano". Dopo una bordata diretta ad Agenzia Mobilità, responsabile di non aver voluto concordare le misure di riorganizzazione del traffico "necessarie per evitare che la città diventi inagibile e prigioniera del traffico", l'affondo: per Rimini, Riccione è chiaramente "un nemico da abbattere". Il bersaglio dell'invettiva della Tosi - il sindaco di Rimini Andrea Gnassi - non viene mai nominato, c'è solo un riferimento al pd riminese nella lunga nota pubblicata lunedì pomeriggio. Ma le parole della Tosi sono pesantissime: "insignificante immobilismo di chi non riesce a cavar un ragno dal buco". Un atteggiamento che fa da contraltare all'attivismo riccionese, secondo quanto afferma il sindaco, che rimarca gli sforzi "per rilanciare appeal e attrattiva della città", il ritorno di tanti turisti dopo tanti anni incuriositi dalle novità e dal passaparola, i complimenti e gli incitamenti di turisti vecchi e nuovi che affollano "con allegria e serenità" il centro cittadino. Per la Tosi, il riavvio dei cantieri del Trc sono solamente una strategia per portare caos in città, ingorghi e difficoltà a cittadini e turisti. "La programmazione dei lavori non ne richiederebbe l’urgenza o l’immediata concessione ed eseguibilità - spiega il sindaco di Riccione - visto che i cantieri attualmente ancora aperti , nonostante le nostre ripetute sollecitazioni, languono in un immobilismo assoluto ed incolmabile". La palla ora passa ad Agenzia Mobilità e al sindaco di Rimini, nonché Presidente della Provincia, per l'inevitabile replica.