Mercoledý 27 Gennaio04:21:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione: alla mostra 'Tonino Guerra: Pensieri Colorati', pic-nic e poesie in dialetto romagnolo

Cultura Riccione | 08:53 - 25 Aprile 2015 Riccione: alla mostra 'Tonino Guerra: Pensieri Colorati', pic-nic e poesie in dialetto romagnolo

Volgono a termine gli incontri pubblici organizzati all’interno della mostra  “Tonino Guerra: Pensieri colorati, i collezionisti rendono omaggio” (in programma fino al 26 aprile 2015 a Villa Mussolini di Riccione). L'ultimo è previsto per sabato 25 aprile alle ore 17.00 ed è intitolato “Pic-nic con i lettori di poesie in dialetto romagnolo”.

I due ospiti, Vanni Fucci e Francesco Gabellini, leggeranno le poesie scritte da loro in dialetto vernacolare romagnolo. Di entrambi (autori e vivaci fautori dell’importanza del ritorno alle origini del testo orale) sarà interessante cogliere le differenze non solo anagrafiche, ma di luogo e di ispirazione, e i significati per il contemporaneo ; il primo, santarcangiolese, rimanda al “sodalizio delle origini” dei giovani santarcangiolesi, di cui faceva  parte anche Tonino Guerra e quindi la nascita della poesia dialettale in senso moderno, apprezzata anche da Pasolini.; il secondo, riccionese,più giovane, è poeta e drammaturgo: sono cinque le raccolte di poesie in dialetto romagnolo pubblicate dal 1997 ad oggi.

Un filo diretto tra l’entroterra romagnolo e la costa, cosi’ vituperata dai romagnoli (diceva Guerra) e relegata a terra di conquista . Un richiamo ad estendere la forma primigenia della poesia dialettale oltre i confini storici, facendola diventare una linea di difesa contro lo strapotere del parlato mediatico, della massificazione e “artificazione” imperanti. Quasi paradossale che questo estremo tentativo rivolto ad un futuro migliore, possa rappresentare un ritorno alle origini. Un grande architetto americano L.Kahn ( “io amo le origini”), ci ricorda a grande distanza la lezione di T.Guerra, nel momento in cui questi abbandona il mondo rutilante della città per ritornare non solo alla sua infanzia, ma, con la poesia, all’infanzia del mondo.

< Articolo precedente Articolo successivo >