Venerd́ 22 Gennaio22:45:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Circonvallazione di Santa Giustina, interviene il comitato "si muore di smog"

Attualità Rimini | 12:12 - 23 Aprile 2015 Circonvallazione di Santa Giustina, interviene il comitato "si muore di smog"

Si torna a parlare della circonvallazione di Santa Giustina. Il Comitato, avendo saputo della probabile ridiscussione in commissione consiliare, interviene con una nota sull'argomento. Secondo il comitato i tracciati oggetto della ipotetica nuova discussione, sono già stati valutati in precedenza. Continua il confronto su, recita il comunicato, "per
giustificare una scelta già compiuta." Intanto, sottolineano, i cittadini di Santa Giustina continuano  " A morire di smog."

Di seguito la nota stampa del comitato:

Abbiamo appreso in questi giorni che è in atto una iniziativa di alcuni gruppi consiliari per ridiscutere nelle commissioni consiliari della circonvallazione di Santa Giustina. Il tutto per esaminare le nuove proposte presentate nei giorni scorsi da una associazione sorta negli ultimi mesi. Ricordiamo che una valutazione tecnica di merito sulla proposta di tracciato posto a lato mare della ferrovia (per intenderci nella zona IKEA) è già stata espressa dall'Amministrazione. Precisamente nella seduta del Consiglio comunale del 6 febbraio 2015. Laddove il Sindaco ha presentato valutazioni tecniche, sottolineando le diverse motivazioni che portano a concludere che quella proposta è “una soluzione che non centra il problema”. Una proposta che, in sostanza, non ha alcuna relazione con la necessità di ridurre il traffico presente nel centro abitato di Santa Giustina. Nei mesi scorsi abbiamo assistito alle valutazioni tecniche, tramite le Analisi SWOT, svolte dagli
uffici tecnici comunali, che dimostravano come la scelta dell'Amministrazione fosse la migliore in termini di costi e benefici. Allo stesso modo oggi la neonata associazione dimostra, sempre tramite Analisi SWOT, che il tracciato della circonvallazione che passa per l'IKEA sia la migliore dal punto di vista dei costi e dei benefici. In entrambi i casi ci pare che l'Analisi SWOT venga utilizzata per giustificare una scelta già compiuta. Come se si dovesse vendere un prodotto, l'Analisi SWOT è utile a metterne in evidenza i pregi. Dovendolo vendere si minimizzano (o si tacciono) i difetti. Non ci pare che di questo teatrino abbiano bisogno i cittadini di Santa Giustina.
Da tempo abbiamo deciso di non polemizzare con gli oppositori al tracciato del 2011 perché ne comprendiamo le ragioni. Allo stesso tempo abbiamo la consapevolezza che quelle opposizioni hanno prodotto un nuovo tracciato, con nuovi interessi coinvolti e nuove opposizioni, riproponendo all'infinito l'assenza di soluzioni concrete.
E i cittadini di Santa Giustina nel frattempo continueranno a vivere nel traffico, a respirare aria inquinata. A morire di smog.
Considerato che la nostra azione non risponde a logiche di partito o di asservimento alle
amministrazioni, come abbiamo dimostrato nei fatti in questi anni, ci permettiamo di sottolineare come dilatoria ogni azione che possa rallentare la realizzazione della circonvallazione. Comprendiamo, anche se non condividiamo, la necessità di acquisire consenso cavalcando il malcontento, prima a sostegno delle proposte del Comitato di Santa Giustina, oggi a sostegno di quelle della neonata associazione. Ieri e oggi sempre a prescindere dalla natura dei problemi. Abbiamo affermato nei mesi scorsi che pur non condividendo le scelte dell'amministrazione comunale occorre prenderne atto. Abbiamo condotto per anni la nostra battaglia a sostegno del progetto del 2011, non con le chiacchiere ma con azioni concrete. Ma una fase si è chiusa. Oggi, per quanto riguarda il Comitato di Santa Giustina, non ha alcuna rilevanza sostenere progetti del Comune di Rimini che, anche se ritenuti giusti, sono stati superati dalla recente deliberazione. Allo
stesso modo non si comprende la scelta di riaprire nuovamente il dibattito sul tracciato della circonvallazione, se non per perseguire interessi particolaristici. Offrendo un pretesto all'Amministrazione comunale per non fare mai niente.
Il Comitato di Santa Giustina continuerà nelle proteste orientate all'interesse generale dei cittadini, alla soluzione dei problemi legati al traffico e all'inquinamento, fino a quando alle decisioni amministrative non seguiranno fatti concreti.

< Articolo precedente Articolo successivo >