Sabato 04 Aprile00:44:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

'Per Aspera ad Astra 14.15', un successo: come sempre, la favola di un fuori stagione spettacolare

Spettacoli Bellaria Igea Marina | 09:37 - 13 Aprile 2015

Il "Teatro fuori Stagione" a Bellaria ha fatto centro anche quest'anno: si è chiusa con un grande successo la quarta edizione di "Per Aspera ad Astra 14.15 - temporary emporium of the arts", la stagione teatrale del Cinema Teatro Astra sotto la direzione di Simone Bruscia. 


Un programma di spettacoli dal fascino onirico, come quello della riviera adriatica durante i mesi invernali descritta da Pier Vittorio Tondelli nel 1985 tra le cronache del Weekend postmoderno. Un cinema-teatro vissuto come spazio creativo e collettivo, una costellazione di rappresentazioni originali ed eventi unici. Da Giancarlo Giannini, straordinario attore, tra i più amati ed acclamati di sempre con "La prima notte di quiete" di Valerio Zurlini, alle lezioni di cinema di Giovanni Veronesi. Dalla mise en espace del romanzo dello scrittore Davide Brullo, "Rinuncio" interpretata da Paolo Graziosi all'appassionata lettura scenica dei poeti più amati del Novecento siciliano di Luigi Lo Cascio e Giorgio Pasotti che racconta Alda Merini. La sperimentazione come tratto distintivo del Decamerone portato in scena da Stefano Accorsi, diretto da Marco Baliani. La contaminazione tra le arti è decisamente il tratto che caratterizza "Per Aspera ad Astra", ecco quindi il connubio tra scena, schermo e musica con il docufilm dedicato alla rockstar di culto Nick Cave, accompagnato da Lightincave live performance del cantautore Dany Greggio e Simone Cristicchi nel suo toccante e prezioso Magazzino 18.


Tra letture sceniche, proiezioni e conversazioni, "Per Aspera ad Astra" e' stata "realmente" la favola di un fuori stagione spettacolare.